Incendio Cartiere Trevi, l'Arpa conferma: "Basso impatto sull'ambiente"

Incendio Cartiere Trevi, l’Arpa conferma: “Basso impatto sull’ambiente”

Redazione

Incendio Cartiere Trevi, l’Arpa conferma: “Basso impatto sull’ambiente”

Risultati ufficiali pubblicati dall'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente
Mar, 30/06/2020 - 07:30

Condividi su:


Incendio Cartiere Trevi, l’Arpa conferma: “Basso impatto sull’ambiente”

Nessuna grave conseguenza per l’aria e per l’acqua, dopo l’incendio alle Cartiere di Trevi. Lo dicono i dati del monitoraggio dell’Arpa, pubblicati sul sito dell’Agenzia regionale di protezione per l’ambiente, confermando quando trapelato i giorni successivi. Un incendio che aveva preoccupato la popolazione e il Comitato per la difesa dell’aria e dell’acqua di Bevagna.

Incendio Cartiere: il monitoraggio delle acque

Il monitoraggio delle acque del fume Clitunno, dopo l’incendio alle Cartiere di Trevi, è stato effettuato in 9 punti, a monte e a valle dell’azienda ed analizzati dal laboratorio di Arpa. I campionamenti sono stati effettuati il 23 e 24 giugno, cioè il giorno dell’incendio e il giorno successivo. I campionamenti di acqua superficiale restituiscono quantità inferiori comunque rispetto alla norma. Quanto al Clitunno, il 23 è stata riscontrata una concentrazione elevata di colorante a valle della Cartiera, mentre più a valle la concentrazione di colorante era inferiore. Già dal 24 poi il colorante a valle della Cartiera si era ridotto, con valori inferiori a 100 pub. Prelevato anche il materiale vegetale, dove il 23 è stata riscontrata la presenza di Violet dark. Colorante che però, come dimostrato dai campioni in frigo, degrada velocemente.

Il monitoraggio dell’aria

Per monitorare l’aria, l’Arpa ha utilizzato un Mezzo mobile e un Campionatore ad alto volute, dal 23 giugno 2020 alle 17.30 al 28 alle 20 e sono stati presi di mira Ipa, ossidi di azoto, monossido di carbonio, ozono, benzene, toulene, cileni, etilbenzene e stirene e il Pm10. Nello specifico, per il biossido di azoto innalzamento iniziale e poi subito valori al di sotto della soglia. Sempre valori bassi il monossido di carbonio. Picchi di benzene registrati il 24, il 25 e il 28. Quanto al Pm10, picco nel periodo dell’incendio e poi riassestamento del valore per un valore di 16 microgrammi/m3.

Incendio, basso impatto sull’ambiente

I dati fin qui prodotti mostrano un basso impatto dell’incendio nella postazione di monitoraggio (situata nei pressi delle prime abitazioni dopo la cartiera), anche i valori PCDD/Fs, l’unico parametro che si distacca dai valori di fondo, che è comunque al di sotto del valore (circa la metà) indicato dalla Commissione consultiva tossicologica nazionale per gli ambienti esterni“.


Condividi su:


"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!