I sindaci di centrosinistra vogliono Fora: i firmatari dell’appello

I sindaci di centrosinistra vogliono Fora: i firmatari dell’appello

Sviluppo, welfare, meritocrazia, pari opportunità, ambiente: la proposta

share

Un gruppo di sindaci di centrosinistra rompono gli indugi rispetto al dibattito sul candidato presidente per le regionali in cui sembrano essersi impantanati il Pd e le altre forze della coalizione e scrivono un documento a sostegno di Andrea Fora per un programma che punti su “sviluppo economico, protezione sociale e sicurezza, meritocrazia e pari opportunità, sostenibilità ambientale“.

Tra i firmatari del documento compaiono Francesco De Rebotti, sindaco di Narni; Matteo Burico, Castiglione del Lago; Giacomo Chiodini, Magione; Bernardino Sperandio, Trevi; Moreno Landrini, Spello; Giulio Cherubini, Panicale; Mirko Ceci, Pietralunga; Sandro Pasquali, Passignano; Fabio Di Gioia, Arrone; Roberto Ferricelli, Piegaro; Marsilio Marinelli, San Venanzo; Sauro Basili, Allerona; Fabio Angelucci, Montecastrilli; Luciano Conti, Avigliano Umbro; Riccardo Bardelli, Paciano; Gianluca Filiberti, Lugnano in Teverina; Alvaro Parca, Giove. Altri sindaci si aggiungeranno nelle prossime ore. Hanno inoltre aderito i capogruppo di minoranza di Perugia e Terni, Sara Bistocchi e Francesco Filipponi.

Cosa propongono i sindaci al candidato Andrea Fora

E i sindaci si rivolgono direttamente ad Andrea Fora, candidato in pectore: “In questo contesto di bassa crescita – spiegano i primi cittadini sottoscrittori –, che stenta tra l’altro a trasmettersi agli indicatori sociali fondamentali (disoccupazione, povertà e disuguaglianze, mobilità sociale e opportunità di vita), riteniamo essenziale che chi intenda candidarsi a guidare l’Umbria a capo di una coalizione che si richiama ai valori della solidarietà, giustizia sociale, meritocrazia, accetti di confrontarsi con i sindaci su alcuni punti programmatici”.

Economia

Sul versante dell’economia si chiede “sostegno alla competitività aziendale favorendo investimenti, riducendo burocrazia e vincoli e finalizzando fondi pubblici e comunitari alla diversificazione produttiva, al rilancio dei distretti industriali, alle reti di piccole e medie imprese”; enfasi viene data inoltre “all’innovazione tecnologica, alla formazione universitaria, all’internazionalizzazione delle imprese”.

Sanità e welfare

Per sanità e welfare si invita a consolidare gli obiettivi raggiunti, rilanciando su tutele specifiche “per disoccupati, famiglie monoreddito, anziani soli o non autosufficienti (più posti nelle residenze protette) e persone con disabilità”, nonché “incremento dei livelli qualitativi della sanità pubblica, vicina al cittadino coi servizi territoriali ed eccellenza nei presidi ospedalieri”. Sono anche citati i temi dell’edilizia popolare, “recuperando il costruito”, e si sollecitano “progetti per la natalità e l’infanzia con ulteriori investimenti negli asili nido”.

Ambiente

Centrale nel documento il tema ambientale con “l’Umbria verde che si fa avanguardia nella sostenibilità”. Oltre al “no” alla realizzazione di termovalorizzatori – “legando la chiusura del ciclo ad accordi interregionali, riduzione dei rifiuti alla fonte e raccolta differenziata” – si individua “l’economia verde come rete produttiva legata all’economia circolare” e si ribadisce la necessità del “controllo pubblico sulle aziende di gestione delle reti idriche (acqua pubblica)”.

Meritocrazia e pari opportunità

Secondo i sindaci è strategico “raddoppiare gli investimenti in borse di studio universitario, edilizia scolastica, accesso al sapere, ricerca e sviluppo delle aziende private” e si deve “spingere sull’innovazione nella pubblica amministrazione, affinché sia meritocratica, partecipata dai cittadini, moderna, ma anche funzionale allo sviluppo e alla coesione sociale delle comunità locali”.

La scelta del candidato

Per i firmatari del documento, quindi, Fora può interpretare la nuova stagione dell’Umbria. “Se questi spunti programmatici sono condivisibili – sottolineano i primi cittadini di centrosinistra – un candidato di estrazione civica come Andrea Fora, ricco di una storia personale orientata al lavoro e all’impresa sociale, può essere davvero il miglior interprete di una nuova stagione per l’Umbria, trovando anche con i sindaci un’intesa programmatica di risposta alle esigenze del territorio e di sintesi rispetto ad una coalizione civica di centrosinistra, progressista e riformatrice, per la guida della Regione”.


Elezioni, l’alleanza Pd – M5s appesa alle scelte romane


Un sostegno che arriva proprio mentre a Todi è in corso l’assemblea costituente dei civici dell’Umbria dei territori, a cui sta partecipando anche Andrea Fora. Che a questo punto ha messo una seria ipoteca sulla sua candidatura a presidente per la Regione del centrosinistra allargato alle forze civiche.

share

Commenti

Stampa