I sindaci di centrosinistra vogliono Fora: i firmatari dell'appello - Tuttoggi

I sindaci di centrosinistra vogliono Fora: i firmatari dell’appello

Redazione

I sindaci di centrosinistra vogliono Fora: i firmatari dell’appello

Sviluppo, welfare, meritocrazia, pari opportunità, ambiente: la proposta
Sab, 24/08/2019 - 14:27

Condividi su:


Un gruppo di sindaci di centrosinistra rompono gli indugi rispetto al dibattito sul candidato presidente per le regionali in cui sembrano essersi impantanati il Pd e le altre forze della coalizione e scrivono un documento a sostegno di Andrea Fora per un programma che punti su “sviluppo economico, protezione sociale e sicurezza, meritocrazia e pari opportunità, sostenibilità ambientale“.

Tra i firmatari del documento compaiono Francesco De Rebotti, sindaco di Narni; Matteo Burico, Castiglione del Lago; Giacomo Chiodini, Magione; Bernardino Sperandio, Trevi; Moreno Landrini, Spello; Giulio Cherubini, Panicale; Mirko Ceci, Pietralunga; Sandro Pasquali, Passignano; Fabio Di Gioia, Arrone; Roberto Ferricelli, Piegaro; Marsilio Marinelli, San Venanzo; Sauro Basili, Allerona; Fabio Angelucci, Montecastrilli; Luciano Conti, Avigliano Umbro; Riccardo Bardelli, Paciano; Gianluca Filiberti, Lugnano in Teverina; Alvaro Parca, Giove. Altri sindaci si aggiungeranno nelle prossime ore. Hanno inoltre aderito i capogruppo di minoranza di Perugia e Terni, Sara Bistocchi e Francesco Filipponi.

Cosa propongono i sindaci al candidato Andrea Fora

E i sindaci si rivolgono direttamente ad Andrea Fora, candidato in pectore: “In questo contesto di bassa crescita – spiegano i primi cittadini sottoscrittori –, che stenta tra l’altro a trasmettersi agli indicatori sociali fondamentali (disoccupazione, povertà e disuguaglianze, mobilità sociale e opportunità di vita), riteniamo essenziale che chi intenda candidarsi a guidare l’Umbria a capo di una coalizione che si richiama ai valori della solidarietà, giustizia sociale, meritocrazia, accetti di confrontarsi con i sindaci su alcuni punti programmatici”.

Economia

Sul versante dell’economia si chiede “sostegno alla competitività aziendale favorendo investimenti, riducendo burocrazia e vincoli e finalizzando fondi pubblici e comunitari alla diversificazione produttiva, al rilancio dei distretti industriali, alle reti di piccole e medie imprese”; enfasi viene data inoltre “all’innovazione tecnologica, alla formazione universitaria, all’internazionalizzazione delle imprese”.

Sanità e welfare

Per sanità e welfare si invita a consolidare gli obiettivi raggiunti, rilanciando su tutele specifiche “per disoccupati, famiglie monoreddito, anziani soli o non autosufficienti (più posti nelle residenze protette) e persone con disabilità”, nonché “incremento dei livelli qualitativi della sanità pubblica, vicina al cittadino coi servizi territoriali ed eccellenza nei presidi ospedalieri”. Sono anche citati i temi dell’edilizia popolare, “recuperando il costruito”, e si sollecitano “progetti per la natalità e l’infanzia con ulteriori investimenti negli asili nido”.

Ambiente

Centrale nel documento il tema ambientale con “l’Umbria verde che si fa avanguardia nella sostenibilità”. Oltre al “no” alla realizzazione di termovalorizzatori – “legando la chiusura del ciclo ad accordi interregionali, riduzione dei rifiuti alla fonte e raccolta differenziata” – si individua “l’economia verde come rete produttiva legata all’economia circolare” e si ribadisce la necessità del “controllo pubblico sulle aziende di gestione delle reti idriche (acqua pubblica)”.

Meritocrazia e pari opportunità

Secondo i sindaci è strategico “raddoppiare gli investimenti in borse di studio universitario, edilizia scolastica, accesso al sapere, ricerca e sviluppo delle aziende private” e si deve “spingere sull’innovazione nella pubblica amministrazione, affinché sia meritocratica, partecipata dai cittadini, moderna, ma anche funzionale allo sviluppo e alla coesione sociale delle comunità locali”.

La scelta del candidato

Per i firmatari del documento, quindi, Fora può interpretare la nuova stagione dell’Umbria. “Se questi spunti programmatici sono condivisibili – sottolineano i primi cittadini di centrosinistra – un candidato di estrazione civica come Andrea Fora, ricco di una storia personale orientata al lavoro e all’impresa sociale, può essere davvero il miglior interprete di una nuova stagione per l’Umbria, trovando anche con i sindaci un’intesa programmatica di risposta alle esigenze del territorio e di sintesi rispetto ad una coalizione civica di centrosinistra, progressista e riformatrice, per la guida della Regione”.


Elezioni, l’alleanza Pd – M5s appesa alle scelte romane


Un sostegno che arriva proprio mentre a Todi è in corso l’assemblea costituente dei civici dell’Umbria dei territori, a cui sta partecipando anche Andrea Fora. Che a questo punto ha messo una seria ipoteca sulla sua candidatura a presidente per la Regione del centrosinistra allargato alle forze civiche.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!