“I Longobardi in Minecraft”, due scuole di Spoleto in finale - Tuttoggi

“I Longobardi in Minecraft”, due scuole di Spoleto in finale

Redazione

“I Longobardi in Minecraft”, due scuole di Spoleto in finale

Sab, 07/05/2022 - 09:12

Condividi su:


Il 13 maggio a Roma la cerimonia di premiazione dei vincitori. La soddisfazione degli assessori Danilo Chiodetti e Luigina Renzi

Sono dieci le scuole finaliste, della scuola primaria – classi quarta e quinta – e delle scuole secondarie di primo e secondo grado, della prima edizione del concorso nazionale “I Longobardi in Minecraft” indetto dall’Associazione Italia Langobardorum, grazie al supporto organizzativo di Maker Camp, con l’obiettivo di valorizzare, attraverso l’utilizzo didattico del videogioco “Minecraft” nella versione “Education Edition”, i sette gruppi di monumenti storici che compongono il sito UNESCO “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”.

A contendersi i premi in palio ben 221 classi, per un totale di 4745 studenti e studentesse coinvolti, provenienti da quasi tutte le regioni d’Italia. Tra tutti gli elaborati messi a concorso, una giuria nazionale composta dai rappresentanti degli organizzatori e da esperti del settore del gaming, ha selezionato i 10 finalisti, che si riportano di seguito in ordine casuale:

Per la Scuola Primaria: Istituto Comprensivo “Anna Frank” di Rho (Mi) – Lombardia; Istituto Comprensivo “Luigi Perna – Dante Alighieri” di Avellino – Campania; Istituto Comprensivo “Marco Polo” di Senago (Mi) – Lombardia;

Per la Scuola Secondaria di I Grado: Istituto Comprensivo “Luigi Perna – Dante Alighieri” di Avellino – Campania;Istituto Comprensivo Rovereto Est “Damiano Chiesa” di Rovereto (Tn) – Trentino Alto Adige,Istituto Comprensivo Spoleto 1 “Della Genga – Alighieri” di Spoleto (Pg) – Umbria; II Istituto Comprensivo di Ceglie Messapica (Br) – Puglia;

Per la Scuola Secondaria di II Grado: IISS “Carmelo Colamonico – Nicola Chiarulli” di Acquaviva delle Fonti (Ba) – Puglia; IPSEOASC Alberghiero “Giancarlo De Carolis” di Spoleto (Pg) – Umbria; Liceo Steam International di Rovereto (Tn) – Trentino Alto Adige.


Le attività di divulgazione che l’associazione Italia Langobardorum sta portando avanti per far conoscere ai più giovani la storia dei Longobardi, hanno un notevole valore dal punto di vista culturale, oltre che didattico ed educativo, perché favoriscono la conoscenza attraverso l’uso di linguaggi diversi, facilitando l’apprendimento dei ragazzi – sono state le parole dell’​assessore alla valorizzazione delle culture, della qualità e della bellezza della Città e del territorio Danilo ChiodettiIn un contesto simile, con giovani e giovanissimi di oltre duecento istituti italiani impegnati in questo percorso di conoscenza e di studio, vedere due scuole di Spoleto tra le dieci finaliste a livello nazionale è chiaramente motivo di grande soddisfazione”.
Soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore al benessere e innovazione sociale, formazione generale e sportiva per la valorizzazione della persona Luigina Renzi: ”I Longobardi in Minecraft non è solo un’iniziativa lodevole perché unisce il gaming all’insegnamento della storia, ma anche perché permette agli alunni e agli studenti di conoscerne le testimonianze nel territorio, nelle diverse regioni italiane e questo è molto interessante perché consente loro di contestualizzare, anche geograficamente, i diversi accadimenti storici. Il fatto che poi due delle nostre scuole siano approdate nella fase finale del concorso, dimostra anche il grande lavoro che i docenti ed i dirigenti scolastici hanno svolto e continueranno a svolgere per stimolare la curiosità e la conoscenza dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze”.
I docenti responsabili del progetto sono la professoressa Luciana Buscaglia per la scuola media ‘Dante Alighieri’ e il professore Francesco Panfili per l’Istituto Alberghiero ‘G. De Carolis’.

La cerimonia di premiazione dei vincitori del contest, che vedrà la partecipazione dei vertici dell’associazione Italia Langobardorum e dei rappresentanti dell’Ufficio UNESCO del Ministero della Cultura, si terrà a Roma, venerdì 13 maggio, con inizio alle ore 10, presso il prestigioso Salone d’Onore del Museo delle Civiltà (piazza Guglielmo Marconi, 14).

Dieci i premi in palio, tre per la scuola primaria, quattro per la scuola secondaria di I grado (due ex aequo), tre per la scuola secondaria di II grado, così ripartiti:

– 1° premio: buono per l’acquisto di materiale scolastico e/o elettronico per un valore di € 1.000

– 2° premio: buono per l’acquisto di materiale scolastico e/o elettronico per un valore di € 750

– 3° premio: buono per l’acquisto di materiale scolastico e/o elettronico per un valore di € 500

Il concorso nazionale “I Longobardi in Minecraft”, fortemente voluto dall’associazione Italia Langobardorum, presieduta da Antonella Tartaglia Polcini, ha coinvolto gli studenti partecipanti nella realizzazione di uno storytelling sulla civiltà dei Longobardi, considerati autentici protagonisti della transizione sociale, culturale ed artistica avvenuta in Italia tra il tardoantico e l’alto Medioevo, invitando le scuole partecipanti a promuovere l’approfondimento conoscitivo del popolo longobardo e del suo patrimonio culturale, di cui sono massima testimonianza i monumenti tutelati dal sito seriale UNESCO, attraverso lo strumento della cultura videoludica, che si è espressa in concreto nell’elaborazione di narrazioni ed ambientazioni tematiche realizzate con il videogioco Minecraft.

L’obiettivo del contest, attraverso l’utilizzo del videogioco come strumento di didattica creativa, è stato quello di stimolare i ragazzi nella ricerca e documentazione sul popolo longobardo ed in particolare, nella valorizzazione e divulgazione conoscitiva dei sette gruppi di monumenti storici del sito UNESCO “I Longobardi in Italia.

I luoghi del potere (568-774 d.C.)”, che costituiscono la migliore testimonianza di quella sintesi artistica e culturale tra la tradizione ellenistico-romana, la spiritualità Cristiana, le influenze bizantine e i valori mutuati dal mondo germanico che ebbe luogo nella penisola italiana grazie al ruolo cruciale svolto dal popolo longobardo.

I sette gruppi di monumenti, distribuiti in cinque diverse Regioni italiane sono: il Santuario di San Michele a Monte Sant’Angelo (FG), l’area della Gastaldaga e il complesso episcopale a Cividale del Friuli (UD), l’area monumentale con il Monastero di San Salvatore – Santa Giulia a Brescia, il Castrum con la Torre di Torba e la Chiesa di Santa Maria Foris Portas a Torba e a Castelseprio (VA), la Basilica di San Salvatore a Spoleto (PG), il Tempietto del Clitunno a Campello sul Clitunno (PG) e il Complesso di Santa Sofia a Benevento.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!