Giornata europea delle Fondazioni, Acri e Fondazione Carit per la Cupola di Terni - Tuttoggi

Giornata europea delle Fondazioni, Acri e Fondazione Carit per la Cupola di Terni

Redazione

Giornata europea delle Fondazioni, Acri e Fondazione Carit per la Cupola di Terni

Dom, 02/10/2022 - 08:38

Condividi su:


Acri e Fondazione Carit in campo per la campagna Ben(i)tornati: “Rinasce la Cupola, punto di riferimento per la città”

“Restituiamo alla città una struttura che rappresenta un punto di riferimento per tanti appassionati di sport, di basket in particolare”. Questo lo spirito con cui la Fondazione Carit ha aderito alla campagna nazionale promossa da Acri (Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio) e Assifero (Associazione Italiana delle Fondazioni ed Enti della Filantropia Istituzionale), in occasione della decima Giornata europea delle Fondazioni che cade il primo ottobre.

Il titolo dell’evento è “Ben(i)tornati. Gesti quotidiani di rigenerazione”, una festa a cui partecipano in contemporanea oltre 100 luoghi in tutta Italia, dove le comunità e le fondazioni realizzano insieme iniziative locali di rigenerazione.

Sul territorio di Terni il progetto ha coinvolto la Fondazione Carit e l’associazione sportiva Interamna Basket, che in conferenza stampa hanno presentato i lavori di rilancio della Cupola, struttura storica della città da anni chiusa alle attività.

Alla conferenza erano presenti il vicepresidente della Fondazione Carit, il dottor Massimo Valigi, Francesco Ciommei, presidente dell’Interamna, il vicepresidente Paolo Tamburini e il direttore responsabile Paolo Rossi, l’assessore allo Sport del Comune di Terni, Elena Proietti, oltre ad altri dirigenti, giocatori e allenatori del team.

Le dichiarazioni – “Per la Fondazione Carit – ha spiegato il vicepresidente Valigi – è un onore aver partecipato in maniera attiva a questa iniziativa, che ha non solo un valore funzionale, ma anche simbolico. La Cupola infatti è un centro sportivo storico per la città, soprattutto per la precedente generazione, che adesso può dunque tornare ad essere un riferimento, soprattutto per i più giovani. E’ un bene, che vuole anche la campagna nazionale, che è tornato alla città e che, grazie anche alla Fondazione, viene restituito a Terni, alle famiglie e ai ragazzi”.

“L’obiettivo di questa operazione – ha spiegato Ciommei – è quello di rendere di nuovo disponibile per la comunità ternana un impianto che ha segnato la storia della pallacanestro ternana fin dai primi anni ‘70. La ristrutturazione viene incontro ai bisogni di chi pratica sport soprattutto a livello amatoriale e alle associazioni sportive, ludiche e sociali, che potranno utilizzare l’impianto per tutte le fasce di età. Inoltre, la struttura si trova nelle immediate vicinanze di istituti scolastici e anche per questo le maggiori attese legate alla realizzazione del progetto sono sicuramente quelle che riguardano l’aggregazione sociale e sportiva”. “Una bella pagina di sport per la città, una struttura che torna a disposizione dei giovani e della famiglie, non solo degli sportivi”, ha commentato l’assessore Proietti.

I lavori – L’intervento di rilancio della struttura riguarda una spesa di circa 120.000 euro e ha riguardato diversi punti strutturali, con l’adeguamento alle più recenti norme di sicurezza per permettere la presenza di pubblico. In particolare, prevista la riqualificazione completa con l’abbattimento delle barriere architettoniche, la rimessa a norma dell’impianto elettrico ed il rifacimento della copertura esterna. Inoltre, tutti nuovi l’attrezzatura e i materiali necessari allo svolgimento delle attività per le quali l’impianto è omologato (basket e volley): canestri, tabelloni, supporti per i 24”, console, radiocomando tabelloni, cronometro tavolo, palette, impianto volley, protezioni, rete pallavolo, palchetto arbitro, armadio medico, infermeria, armadio spogliatoio, panche spogliatoio, per un totale di circa 25.000 euro. I lavori sono iniziati poco dopo la sottoscrizione della convenzione con la Provincia di Terni, avvenuta il primo marzo 2021. Tale convenzione terminerà nel 2036.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!