Ex Zuccherificio, il centrosinistra torna alla carica: "Quali progetti?"

Ex Zuccherificio, il centrosinistra torna alla carica: “Quali progetti?”

Redazione

Ex Zuccherificio, il centrosinistra torna alla carica: “Quali progetti?”

Ven, 15/10/2021 - 15:17

Condividi su:


Interrogazione dei gruppi consiliari di centrosinistra per fare chiarezza

I gruppi consiliari di centrosinistra interrogano il Comune sull’ex Zuccherificio. Dal 30 giugno, giorno della conferenza stampa in cui il sindaco Stefano Zuccarini, con la giunta accanto, ha annunciato lo stop all’accordo, sulla base di un parere legale redatto da un professore universitario romano, Pd, Patto X Foligno e Foligno 2030 vogliono sapere quali altre attività sono state svolte.

Le domande

Le domande che si pongono sono queste: “È stata riconvocata Coop Centro Italia? Sono stata convocate le associazioni? Quali sono le proposte e i progetti che il Comune intende presentare?”. Quindi il riepilogo della vicenda, dall’accordo in 11 punti tra Coop e Comune, approvato in consiglio comunale il 7 febbraio 2019, che componeva i contenziosi e i successivi adempimenti previsti, il primo dopo 9 mesi. “Alla scadenza di novembre 2019 – prosegue il centrosinistra – la nuova amministrazione ha chiesto una proroga di sei mesi, che a causa della pandemia ogni attività è stata sospesa per 80 giorni, che l’amministrazione ha chiesto alla nuova scadenza ulteriore proroga di tre mesi, che il termine ultimo per l’adempimento previsto nell’accordo scadeva quindi il 5 novembre 2020, pena decadenza dell’accordo stesso. In tale periodo nessuna azione è stata svolta dall’amministrazione comunale entro tale periodo e considerando che il 30 giugno 2021, il Sindaco comunicava in streaming che aveva chiesto un parere sull’accordo in questione ad un professionista esperto di giurisprudenza e che tale parere era negativo (l’incarico al prof. Urbani, esperto in questione, risulta conferito in data 28 giugno 2021, circa 8 mesi dopo la scadenza dell’accordo; il visto di regolarità contabile è addirittura del 2 luglio 2021)”. Il sindaco, in quella conferenza spiegava che “Il fatto che l’amministrazione ritorni titolare del cosiddetto potere conformativo della proprietà apre la possibilità a tutta la città, ai cittadini, alle associazioni, alla proprietà Coop, alle soluzioni che noi condivideremo, a partire da oggi, con la città e con tutti, cioè come utilizzare quell’area nel migliore dei modi, nel rispetto del diritto del proprietario, ovviamente, e però nell’interesse esclusivo della città’“.

Il punto

Alla luce di queste affermazioni, il centrosinistra chiede di fare il punto della situazione.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!