Elezioni amministrative, la scheda di Città di Castello | Come si vota - Tuttoggi

Elezioni amministrative, la scheda di Città di Castello | Come si vota

Davide Baccarini

Elezioni amministrative, la scheda di Città di Castello | Come si vota

Mer, 22/09/2021 - 12:35

Condividi su:


Ecco la guida all“election day” del 3 e 4 ottobre, si sfidano 4 candidati sindaco | Quali sono le opzioni di voto possibili, si può optare per voto disgiunto e doppia preferenza di genere

Mancano ormai pochi giorni al voto per le elezioni amministrative di Città di Castello – domenica 3 ottobre dalle 7 alle 24 e lunedì 4 ottobre dalle 7 alle 15) – quando oltre 32.000 tifernati saranno chiamati a scegliere il successore di Luciano Bacchetta e i prossimi 24 consiglieri comunali (su 338 candidati). Molti cittadini, però, a meno di due settimane dall’election day, hanno confessato di non essere ancora sicuri su come si vota…

La scheda elettorale

Innanzitutto gli elettori, nella cabina del proprio seggio, si troveranno davanti ad una singola scheda con i nomi dei 4 candidati sindaco e, sotto ognuno di essi, le rispettive liste a sostegno (con a fianco gli spazi bianchi dove trascrivere il cognome del candidato consigliere preferito).

scheda
La scheda elettorale

Nel dettaglio – come si può vedere nel fac-simile in foto – il primo nome in ordine di apparizione, in alto, è quello di Andrea Lignani Marchesani, appoggiato da (in ordine di apparizione sulla scheda da sinistra a destra) Forza Italia, Fratelli d’Italia e Castello Civica; a seguire, subito sotto, c’è quello di Luciana Bassini, la cui coalizione è composta da Movimento 5 Stelle, Castello Cambia, Sinistra Civica Progressista, Unione Civica Tiferno e CiviciX Città di Castello; in basso ecco Roberto Marinelli, con le liste Autonomi e Partite Iva, Lega e Marinelli Sindaco; a chiudere l’elenco, in alto a destra, Luca Secondi, appoggiato da Partito Democratico, La Sinistra, Socialisti e Civica per Secondi.

Come si vota

Per non rischiare di vedersi annullare la propria scheda e quindi la propria preferenza, queste sono le possibili opzioni di voto (a Città di Castello e in tutti i Comuni sopra i 15.000 abitanti). Vediamole nel dettaglio: 

  • Tracciare una “X” solo sul simbolo di una lista, assegnando la propria preferenza a quest’ultima e, automaticamente, al candidato sindaco a essa collegato (Figura 1)
Figura 1 (Voto va sia a lista con la “X” sia al candidato sindaco Verdi)
  • Tracciare una “X” sul simbolo di una lista – assegnando ad essa la propria preferenza – e scrivere il cognome (in stampatello) del candidato consigliere preferito appartenente alla medesima. Il voto, anche in questo caso, andrà automaticamente al candidato sindaco di riferimento (Fig. 2). P.s.: E’ consentito anche tracciare una “X” sia sul candidato sindaco che sulla lista di riferimento.
Fig. 2 (Voto a lista, relativo candidato consigliere e candidato sindaco Verdi)
  • Tracciare una “X” (cercando di non uscire dai bordi) solo sul nome del candidato sindaco, assegnando la propria preferenza a quest’ultimo e a nessuna delle liste ad esso collegate (Fig. 3)
Fig. 3 (Voto al solo candidato sindaco Verdi)

Doppia preferenza di genere

  • E’ possibile anche indicare la doppia preferenza di genere, scrivendo il cognome di due candidati consiglieri preferiti, purché siano entrambi della stessa lista ma di sesso diverso (Fig. 4). P.s: E’ consentito ma non necessario tracciare una “X” sopra la lista se i nomi sono già a fianco del rispettivo simbolo
Fig. 4 (Voto a lista, a 2 suoi candidati consiglieri e al candidato sindaco Verdi)

Voto disgiunto

  • E’ possibile anche optare per il “voto disgiunto”: si può infatti tracciare una “X” sopra il nome di un candidato sindaco e un’altra “X” sopra una lista non collegata a quest’ultimo. Anche in questo caso si possono scrivere uno o due cognomi (purché siano un uomo e una donna) di candidati appartenenti solo alla lista barrata (Fig. 5).
Fig. 5 (Voto a candidato sindaco Rossi e ad una lista e candidato consigliere in appoggio a Verdi)

Primo turno, ballottaggio e Consiglio comunale

Il nuovo sindaco viene eletto direttamente al primo turno solo se ottiene il 50% dei voti più uno. Se nessuno dei candidati raggiunge questa soglia è necessario il ballottaggio (che si terrà domenica 17 e lunedì 18 ottobre) tra i due candidati che hanno raccolto più voti.

Sulla composizione del nuovo Consiglio comunale: al candidato sindaco eletto sono attribuiti almeno il 60% dei seggi (in questo caso 15 scranni su 24), ripartiti proporzionalmente alle preferenze ottenute dalle singole liste e dai candidati consiglieri più votati. Per far parte del Consiglio comunale una lista deve superare uno sbarramento del 3% dei voti.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!