Due quaderni di inizio '900 tornano a Villa Montesca - Tuttoggi

Due quaderni di inizio ‘900 tornano a Villa Montesca

Redazione

Due quaderni di inizio ‘900 tornano a Villa Montesca

Entrambi sono testimonianza del lavoro svolto nelle scuole di Montesca e Rovigliano | Sono stati riportati in Italia dall'Inghilterra, donati dalla nipote di una delle insegnanti che lavorò con Alice Hallgarten
Gio, 30/05/2019 - 12:26

Condividi su:


Due quaderni di inizio ‘900 tornano a Villa Montesca

Lo scorso lunedì (27 maggio) Rosamund Bance, nipote dell’antropologa Mary Douglas*, è arrivata a Villa Montesca dall’Inghilterra, accompagnata dal marito e da due volumi, di circa 45×30 centimetri, contenenti disegni e foto dei primi del ‘900.

I due quaderni, testimonianze dei lavori svolti tra il 1902 ed il 1910 dai bambini delle scuole elementari di Montesca e Rovigliano, che la nonna conservava come ricordo, sono stati riportati alla fondazione come dono. Ad accoglierla, portando i saluti di Angelo Capecci, presidente della ‘Fondazione Hallgarten-Franchetti Centro Studi Villa Montesca’, sono stati la prof.ssa Paola Marinelli, vicepresidente del Consiglio di Indirizzo della Fondazione, Fabrizio Boldrini, direttore generale, Michele Bettarelli, vicesindaco di Città di Castello e assessore alla Cultura e Rossella Cestini, assessore all’Istruzione.

Dopo aver visitato la splendida Villa dei baroni Franchetti e ripercorso le tappe del soggiorno tifernate di Mary, Rosamund ha consegnato i due volumi alla Fondazione, che l’ha omaggiata con un prezioso ricamo di Tela Umbra. I due quaderni saranno ora custoditi a Villa Montesca, andando ad arricchire un patrimonio storico già unico al mondo, come testimonia la biblioteca, ricollocata nella sua sede originaria all’interno della villa nel 2015. Quest’ultima, infatti, conta oltre 6000 volumi tra monografie, periodici e pubblicazioni di vario genere, e molti di questi, in particolar modo i quaderni donati, compongono la memoria storica della sperimentazione voluta da Alice Hallgarten Franchetti nelle scuole rurali di Montesca e Rovigliano, che è stata alla base della pubblicazione della prima edizione del Metodo di Maria Montessori, stampata nel 1909 in città.

*Mary Douglas Hamilton Ingoldby era una delle amiche e collaboratrici predilette da Alice Hallgarten che, ad inizio ‘900, soggiornò a lungo nella Villa dei Baroni Franchetti, seguendo in prima persona le attività delle scuole di Montesca e Rovigliano. E proprio dopo questa esperienza, tornata in Inghilterra, portò con sé (donati) due quaderni, preziosa testimonianza dei lavori svolti dai piccoli alunni. Mary tramandò la passione per la didattica appresa a Villa Montesca alla famiglia, e la nipote, Rosamund Bance, ha conservato fino ad oggi i due quaderni tanto cari alla nonna.

Aggiungi un commento