Due anni e mezzo di pandemia, 1 umbro su 3 positivo | I dati AUR

Due anni e mezzo di pandemia, 1 umbro su 3 positivo | I dati AUR

Redazione

Due anni e mezzo di pandemia, 1 umbro su 3 positivo | I dati AUR

Dom, 03/07/2022 - 12:05

Condividi su:


La positività ha avuto negli uomini e nelle donne un andamento sovrapponibile, così come il confronto tra le due Aziende USL della regione

Il primo caso di positività al SARS-CoV-2 in Umbria viene registrato il 13 febbraio 2020.Da allora fino al 22 giugno 2022 sono stati infettati complessivamente 282.582 residenti in Umbria. Questo il primo dei tanti dati raccolti dal AUR (Agenzia Umbria Ricerche) nel report “Chi sono i positivi in Umbria”, pubblicato in questi giorni.

La distribuzione dei casi cumulativi tra i residenti nel tempo, al netto dei casi di reinfezione, mostra una maggior numerosità soprattutto nel 2022, anno di diffusione della variante omicron che ha evidenziato una forte contagiosità, superiore alle precedenti: è evidente infatti il repentino aumento dei casi da fine dicembre 2021.

Complessivamente la percentuale di popolazione residente infettata dal virus arriva all’ultima data di rilevazione di questo documento al 32,7%: circa 1 umbro su 3 ha quindi avuto una diagnosi di positività.

La positività ha avuto negli uomini e nelle donne un andamento sovrapponibile, con un leggero recupero tra le donne nell’ultimo periodo.

Nonostante i dati non tengano conto dello stato vaccinale dei singoli soggetti, indirettamente confermano l’efficacia della campagna vaccinale in Umbria.

Secondo quanto riportato da Lab24 del Sole 24 ore al 25 giugno 2022, sono state consegnate complessivamente in Umbria 2.090.589 dosi di vaccino, di cui somministrate 2.045.287 , raggiungendo con almeno una dose di vaccino l’89% della popolazione.

I casi SARS-CoV-2 positivi in Umbria per Azienda USL

Per consentire una migliore lettura del dato è stata infine analizzata la distribuzione nei casi positivi in base all’Azienda USL di residenza.

Il confronto tra le due Aziende USL della regione, pur con un andamento pressoché sovrapponibile, mostra per l’USLUmbria1 una percentuale cumulativa di positivi leggermente superiore dell’USLUmbria2, maggiormente evidente negli ultimi mesi di riferimento.

Il rapporto AUR si basa sull’analisi dei dati correnti relativi alle positività a un test per SARS-CoV-2 ufficialmente comunicate alla data del 22 giugno 2022, senza considerare i casi di reinfezione: ogni singolo individuo concorre quindi all’analisi una sola volta.

I dati dell’ultima settimana

 La curva epidemica, come pure la media mobile a 7 giorni in Umbria mostra un trend in aumento rispetto alle settimane precedenti.  Secondo il report di aggiornamento settimanale elaborato dal Nucleo epidemiologico regionale l’incidenza settimanale mobile per 100.000 abitanti al 28 giugno è pari a 823.
L’RDt sulle diagnosi calcolato per gli ultimi 14 giorni con media mobile a 7 giorni è in aumento attestandosi ad un valore di 1,51.

A ieri la media settimanale di nuovi positivi è di 1.257 al giorno (Fonte: JHU CSSE COVID-19 Data), periodo in cui si sono registrati due decessi.

Articolo correlato

Covid, in Italia 84.700 casi e 63 decessi nelle ultime 24 ore

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!