Distretto Appenino umbro-marchigiano "incontra" onorevole Barracciu - Tuttoggi

Distretto Appenino umbro-marchigiano “incontra” onorevole Barracciu

Redazione

Distretto Appenino umbro-marchigiano “incontra” onorevole Barracciu

Venerdì 27 febbraio il Sottosegretario ai Beni e Attività Culturali sarà a Gubbio per parlare di strategie di sviluppo turistico riguardanti i distretti interregionali
Lun, 23/02/2015 - 16:32

Condividi su:


Unire le forze per superare isolamento e marginalità, facendo leva sul patrimonio storico, culturale, artistico e  naturalistico del territorio. L’esperienza del Distretto dell’Appennino umbro-marchigiano si muove in questa direzione e si consolida, tanto da diventare modello di condivisione e partenariato pubblico e privato, per il raggiungimento di obiettivi comuni.

La logica dell’aggregazione dei territori è quella su cui puntano da tempo l’Unione Europea e ora anche il Governo italiano. In quest’ottica il Distretto dell’Appennino ha invitato a Gubbio il sottosegretario del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo Francesca Barracciu, per un incontro sul tema “La strategia nazionale di sviluppo turistico per i distretti interregionali”. Appuntamento fissato per venerdì 27 febbraio, alle ore 14,30, nella Sala Trecentesca di Palazzo Pretorio, in piazza Grande.

L’introduzione ai lavori è affidata a Lorenzo Rughi, assessore al Turismo e Sviluppo economico del Comune di Gubbio, e al fabrianese Piero Chiorri presidente dell’Associazione di promozione sociale per lo sviluppo del Distretto. Seguiranno l’intervento del sottosegretario Barracciu e quelli delle autorità e dei rappresentanti delle istituzioni presenti, tra cui anche quelli delle Regioni Umbria e Marche. Le conclusioni toccheranno al sindaco di Gubbio, Filippo Mario Stirati, come rappresentante del Comune che in questo periodo coordina il Distretto.

L’onorevole Barracciu ha mostrato curiosità e disponibilità ad approfondire il percorso che stanno facendo i territori dell’Appennino con l’aggregazione del Distretto culturale, proprio per la sua ‘trasversalità’, mettendo  insieme due regioni, Umbria e Marche, con una trentina di Comuni delle province di Perugia, Ancona, Macerata e Pesaro-Urbino. Punto di forza la cooperazione territoriale, che è uno dei criteri costitutivi della programmazione europea, con interventi economici ritagliati su misura per l’area vasta più che calcolati sui confini amministrativi. Se queste “ricchezze” del territorio vengono custodite, valorizzate e promosse nel migliore dei modi, il turismo diventa un decisivo volano di sviluppo economico.

Altro elemento importante è far crescere la cultura dell’accoglienza, in quanto il turista o il visitatore entra in contatto non solo con gli operatore turistici, ma con tutta la popolazione: vigili  urbani, negozianti, fino ai semplici cittadini. Ecco perché l’accoglienza è innanzitutto una sfida culturale che l’Appennino umbro-marchigiano non può  sottovalutare, se intende considerare il turista non come un intruso di passaggio, ma come una “risorsa umana” a cui far vivere un’esperienza all’altezza delle sue aspettative.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!