Deja Donnè si sposta a Perugia e lancia l’idea di uno spazio per lo sviluppo delle danza umbra - Tuttoggi.info

Deja Donnè si sposta a Perugia e lancia l’idea di uno spazio per lo sviluppo delle danza umbra

Redazione

Deja Donnè si sposta a Perugia e lancia l’idea di uno spazio per lo sviluppo delle danza umbra

Mar, 06/11/2012 - 23:34

Condividi su:


La compagnia internazionale di danza contemporanea Déjà Donné presenta tutte le iniziative per il 2012 e annuncia un ricco programma di appuntamenti. La compagnia cambia sede e si sposta al centro di Perugia, trasferendo le sue attività alla Sala Cutu e nel quartiere di Elce, la propria sede legale ed amministrativa.
Déjà Donné rappresenta un vanto per l’Umbria che con i sui 15 anni di attività e decine di spettacoli autoprodotti portati in giro per il mondo in oltre 27 paesi, decide ora di piantare le proprie radici in Umbria per dar vita ad una serie di progetti volti allo sviluppo di un ambiente culturale e professionistico della danza contemporanea. “L’idea alla base è quella di dare la possibilità a chiunque svolga professionalmente questa disciplina di avere uno spazio dove poterlo fare”, spiega Simone Sandroni, direttore artistico e coreografo di Déjà Donné. La compagnia aspira in tal modo a diventare un punto di riferimento regionale per la creazione e residenza degli artisti che lavorano nel territorio umbro.
I progetti – Numerosissime le idee messe in campo da Déjà Donné a partire da Portrait Series, un progetto artistico ispirato dalla concezione del ritratto dell’artista Francisco Goya che rivoluzionò il modo di raffigurare ed intendere la persona non più come eroe, ma come persona di cui catturare il “lato umano”. Déjà Donné e il Teatro Stabile di Innovazione Fontemaggiore si uniscono per la presentazione dell’intero ciclo di ritratti creati da Simone Sandroni nel 2010 (“P.S. Isabelle Sévers“, danzatrice del corpo di ballo del Balletto di Monaco, “P.S. Norbert Graf“, solista dello stesso balletto, e l’ultimo “P.S. Martina La Ragione“, danzatrice della compagnia Déjà Donné dal 2009) sottoforma di breve rassegna di danza, che sarà arricchita e conclusa con il ritratto di Stefano Cipiciani, Presidente di Fontemaggiore, e di Giorgio Donati, direttore artistico della compagnia Donati&Olesen. Ogni ritratto sarà una biografia coreografica fatta di danza, testo, video e canzone che inizia significativamente con il nome stesso del performer.
Valetudo – Intervista a… invece è un progetto che vedrà l’incontro informale tra un artista-ospite e Simone Sandroni, direttore artistico e coreografo della compagnia, basato sullo schema iniziale di una normale intervista che poi diventa imprevedibile nel contenuto e nella forma, oltre che nel coinvolgimento del pubblico. Gli incontri, distribuiti lungo il corso dell’anno a Perugia, nella Sala Cutu, ed in replica nei giorni seguenti al Conservatorio Duncan Centre a Praga, offriranno l’opportunità, al pubblico di Perugia e della Regione Umbria, di confrontarsi con alcuni nomi significativi della danza contemporanea internazionale e nazionale, quali Felix Ruckert, Daniela Malusardi, Jordi Casanovas, Virginia Spallarossa, Yasmeen Godder, Nordine Benchorf e Maria Muñoz. Il progetto fa parte della programmazione di Perugia-Assisi 2019.

Tra tutte le iniziative quella che probabilmente troverà maggiore attenzione tra gli amanti della danza, è rappresentata da Classi e Residenze artistiche. Dal mese di novembre 2012 fino a maggio 2013 la compagnia proporrà, infatti, alcune attività artistiche professionali per danzatori e coreografi presso la Sala Cutu, con lo scopo di creare un ambiente professionistico di danza contemporanea in Umbria e un punto di riferimento regionale per la creazione e residenza degli artisti che lavorano nel territorio. A dicembre verrà presentata anche la prima parte del progetto europeo M4m – M for mobility basato sulla collaborazione e scambio delle residenze artistiche tra 10 giovani danzatori Umbri e Cechi.

Il libro“Dance in Action” racconta i 15 anni di attività di Déjà Donné in occasione della manifestazione Umbrialibri 2012, venerdì 9 novembre al Teatro del Pavone, Perugia. “Dance in Action” nasce dalla necessità e dall’urgenza della compagnia di riflettere sui principi fondamentali che la caratterizzano da 15 anni, definendone così gli intenti e la poetica ed è composto da un insieme di immagini delle sue produzioni e di contributi scritti dai “testimoni” che hanno seguito il lavoro della compagnia nel tempo e che si propongono come informali, ironici ma, nello stesso tempo, storici e scientifici. Il libro è a cura di Lenka Flory ed edito da Editoria&Spettacolo.

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_perugia

    L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


      trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

      "Innovare
      è inventare il domani
      con quello che abbiamo oggi"

      Grazie per il tuo interesse.
      A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!