Css, protesta comitati non si ferma. In 400 a Semonte "Vogliamo Umbria con Ecodistretti" - Tuttoggi

Css, protesta comitati non si ferma. In 400 a Semonte “Vogliamo Umbria con Ecodistretti”

Davide Baccarini

Css, protesta comitati non si ferma. In 400 a Semonte “Vogliamo Umbria con Ecodistretti”

Dom, 25/04/2021 - 11:17

Condividi su:


Gli ambientalisti tornano a protestare contro l'incenerimento dei rifiuti nei cementifici, altre manifestazioni anche a Perugia, Spoleto e Terni

Erano almeno in 400, ieri pomeriggio (24 aprile), i manifestanti che hanno riempito il piazzale della scuola di Semonte (Gubbio) per ribadire il loro deciso “No” al piano rifiuti della Regione e all’utilizzo di Css nei cementifici. Altre manifestazioni di protesta si sono tenute, in contemporanea, anche a Perugia, Terni e Spoleto.

Gli ambientalisti e i rappresentanti dei comitati hanno detto di “voler vederci chiaro”, chiedendo a gran voce di “valutare tutti i fattori di rischio ambientale presenti da decenni nella Conca Eugubina, a causa di impianti insalubri di prima classe. Sono decenni di emissioni inquinanti, metalli pesanti, polveri sottili, diossine nell’assenza di dati epidemiologici e indagini sanitarie approfondite”.

Infuria protesta comitati per dire No al Css “Basta associare nome di Gubbio ai rifiuti!”

Come si è potuto leggere in cartelli e manifesti, il Comune di Gubbio, la Usl territoriale e i Comitati chiedono la procedura di Via (Valutazione di Impatto Ambientale) per “sapere cosa abbiamo respirato fino ad ora e che cosa stiamo respirando”.

Le richiesta sono sempre le stesse: ovvero che il piano regionale dei rifiuti sia volto al conseguimento della strategia Rifiuti Zero, senza incenerimento né discariche; che i fondi del Recovery Plan siano impegnati per una vera economia circolare (recupero di materia e riciclo) e non per la produzione di Css da bruciare nei cementifici. “Inoltre riteniamo fondamentali la tutela della salute e un piano di prevenzione primaria dalle esposizioni inquinanti, oltre che la riattivazione del Registro dei tumori”.

L’Umbria che si auspica – hanno concluso i presenti – è quella degli Ecodistretti e non quella dell’immondizia che non tiene in alcun conto l’identità di una regione ricca di città d’arte”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!