Crisi idrica, un guasto agli impianti lascia 100 famiglie senz'acqua

Crisi idrica, un guasto agli impianti lascia 100 famiglie senz’acqua

Redazione

Crisi idrica, un guasto agli impianti lascia 100 famiglie senz’acqua

Domani la situazione migliorerà dopo l'intervento di Bevagna
Mar, 30/06/2020 - 16:30

Condividi su:


Crisi idrica, un guasto agli impianti lascia 100 famiglie senz’acqua

L’estate è appena iniziata e già iniziano alcune problematiche di crisi idrica. Un guasto alla stazione di sollevamento che alimenta il sistema idrico dei comuni di Gualdo Cattaneo, Giano dell’Umbria, Castello Ritaldi, Bevagna e Montefalco ha portato allo svuotamento di tutti i serbatoi di accumulo dell’acqua potabile a servizio delle varie aree del territorio di questi comuni. 100 famiglie senz’acqua su un comprensorio di 30mila abitanti.

Crisi idrica, autobotti sul territorio

La situazione, già critica da alcuni giorni a causa dell’elevato consumo a seguito dell’aumento delle temperature, è piuttosto grave”, dicono da Vus “ed i tempi di recupero potranno essere piuttosto lunghi”. “Sono state già effettuate le operazioni di ripristino della funzionalità dell’impianto di sollevamento e la Valle Umbra Servizi spa sta provvedendo al servizio di trasporto con autobotti proprio per diminuire e limitare al minimo i disagi ai cittadini“. Quindi l’appello ad un consumo responsabile, promosso anche dalle ordinanze di due comuni, come Gualdo Cattaneo e Castel Ritaldi.

Crisi idrica, intervento a Bevagna

Domani è previsto un intervento a Bevagna, che servirà per ridurre le perdite e andare ad attivare una nuova conduttura. Sul territorio sono attive 6 autobotti per andare a riempire i serbatoi e da domani la situazione dovrebbe migliorare.


Condividi su: