Crack Banche, il 23 febbraio scade termine per la denuncia - Tuttoggi

Crack Banche, il 23 febbraio scade termine per la denuncia

Redazione

Crack Banche, il 23 febbraio scade termine per la denuncia

La Confconsumatori regionale ne ha parlato in una conferenza tenutasi all'Hote Le Mura di Foligno
Ven, 05/02/2016 - 17:23

Condividi su:


Organizzata dalla Confconsumatori Regionale, presso la Sala Aristotele dell’Hotel Le Mura di Foligno, si è tenuta lo scorso 30 Gennaio, una Conferenza sul “Risparmio tradito”. Erano presenti la Presidente Nazionale dell’Associazione Mara Colla, il Responsabile regionale dell’Associazione Salvatore Lombardi e gli Avvocati Giulia Gambuli, Rossano Monacelli e Alberto Maria Onori.

Salvatore Lombardi ha introdotto i lavori sottolineando la difficoltà in cui sono venuti a trovarsi migliaia di famiglie, che si sono viste annullare i risparmi di una vita a seguito del default di Banca Etruria, Banca Marche, Cariferrara e Carichieti. “Confconsumatori, lontana dai clamori del momento, – ha detto Lombardi – ha programmato questo incontro per suggerire ai risparmiatori la prassi più opportuna per recuperare il ‘maltolto’ come sarà precisato dai nostri legali”.

L’Avv. Giulia Gambuli, referente Confconsumatori per Perugia e Città di Castello, ha illustrato in modo chiaro e dettagliato il complicato susseguirsi delle vicende che hanno portato al crack delle quattro Banche: la loro situazione economico-finanziaria, i bilanci poco chiari, i crediti in sofferenza, la vendita di obbligazioni subordinate alla gente comune, i questionari MIFID errati, la violazione dell’art. 140 T.U.B. e delle norme sulla trasparenza e correttezza in materia finanziaria abusando della buona fede del risparmiatore truffato, il c.d. Decreto Salvabanche, la normativa comunitaria che ha introdotto il Meccanismo unico di risoluzione, Bail-in e le conseguenze della sua entrata in vigore.

Gli Avvocati hanno puntualizzato che, in attesa dell’emanazione del decreto sull’arbitrato “Salvaconsumatori” (che dovrebbe essere pubblicato entro il mese di Febbraio), i risparmiatori che si sentono truffati, entro il 23 febbraio 2016, possono eventualmente presentare una denuncia-querela penale precisando fatti e circostanze del danno subito.

Una volta conosciuto il decreto sull’arbitrato, Confconsumatori giocherà la sua parte, pronta a fornire ogni possibile assistenza ai risparmiatori truffati, data la sua notevole esperienza in materia di tutela dei consumatori nei confronti delle Banche.

L’Associazione ha già avuto un incontro con il Dr. Nicastro, Presidente delle “Nuove Banche”. Il prossimo si terrà l’11 febbraio. In tale sede Confconsumatori avanzerà alcune richieste come quella di procedere alla Conciliazione e/o di  lasciare nei conti delle Nuove Banche le azioni e le obbligazioni subordinate acquistate presso i vecchi Istituti. I risparmiatori ne saranno puntualmente informati.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!