Covid, a Perugia il primario anestesista che ha curato il "Paziente 1"

Covid, a Perugia il primario anestesista che ha curato il “Paziente 1”

Redazione

Covid, a Perugia il primario anestesista che ha curato il “Paziente 1”

Dom, 21/02/2021 - 14:58

Condividi su:


Covid, a Perugia il primario anestesista che ha curato il “Paziente 1”

Nell'equipe inviata dalla Lombardia anche il primario Mirko Belliato che curò Mattia Maestri | Ospedale di Perugia, situazione ancora critica

Un anno fa ha curato Mattia Maestri, destinato ad essere ricordato come il “Paziente 1” del Covid. Anche se, come si scoprirà poi, il Coronavirus circolava in Italia già da tempo.

Ora il dottor Mirko Belliato, direttore Anestesia e Rianimazione del Policlinico “San Matteo” di Pavia, viene in soccorso degli umbri, alle prese con la terza ondata del Covid, caratterizzata nel Perugino dalla doppia presenza della variante inglese e di quella brasiliana. La sua esperienza, conseguita nei mesi in cui il Policlinico di Pavia era in prima linea nella battaglia al Covid, potrà servire anche a verificare l’efficacia delle cure sui pazienti contagiati dalla varianti.

Belliato e gli altri medici arrivati a Perugia

Belliato, insieme ad altri 6 anestesisti rianimatori, ad uno pneumologo e a 11 infermieri, fa parte dell’equipe inviato in Umbria dalla Regione Lombardia.

Personale che da lunedì prenderà servizio negli ospedali di Perugia e di Spoleto. Dove resterà per due, tre settimane. Sperando che nel frattempo si riesca a contenere la curva dei nuovi ricoveri di pazienti Covid.

Covid, di Perugia 6 delle 11 vittime
dell’ultimo giorno in Umbria

Il loro arrivo (favorito da Guido Bertolaso, consulente di Lombardia e Umbria per l’emergenza Covid) consentirà anche l’attivazione dell’ospedale da campo civile, allestito ormai da fine dicembre ma ancora senza pazienti per la carenza di personale.

I pazienti Covid all’ospedale di Perugia

Intanto, davanti al Santa Maria della Misericordia si lavora all’installazione dei container che ospiteranno i nuovi posti di terapia intensiva finanziati dal Governo.

La situazione all’ospedale di Perugia resta molto precaria. Attualmente sono 146 i pazienti Covid, di cui 24 in terapia intensiva. Nel vicino ospedale militare da campo ci sono altri 18 pazienti, con sintomatologia più lieve.

Soltanto tra i residenti a Perugia (dove nell’ultimo giorno si contano altre 6 vittime) i pazienti Covid ospedalizzati sono 141.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!