Coronavirus, Zaffini (Fd’I) soddisfatto per la “patente di immunità” - Tuttoggi

Coronavirus, Zaffini (Fd’I) soddisfatto per la “patente di immunità”

Redazione

Coronavirus, Zaffini (Fd’I) soddisfatto per la “patente di immunità”

Commissione Bilancio approva stanziamento di risorse per effettuare 4-5 milioni di test rapidi. Il senatore umbro “Ora il Governo mantenga l’impegno”
Gio, 09/04/2020 - 09:39

Condividi su:


Coronavirus, Zaffini (Fd’I) soddisfatto per la “patente di immunità”

E’ stato approvato oggi in Commissione Bilancio, con il parere favorevole del Governo, l’ordine del giorno che riprende l’emendamento presentato da Fratelli d’Italia che prevede lo stanziamento di risorse congrue per effettuare un profondo screening della popolazione nell’ordine di 4-5 milioni di test rapidi”.

E’ quanto annuncia il senatore Franco Zaffini, Capogruppo di Fd’I in Commissione sanità, primo firmatario dell’atto. Grazie a questi test sarà possibile effettuare un controllo periodico immunologico della popolazione, passo importante per graduare la riapertura attraverso quei soggetti che risultano sani o immunizzati.

Se il governo ci avesse ascoltato prima – prosegue il parlamentare – questi test sarebbero stati molto utili già nella prima fase dell’emergenza per individuare gli asintomatici”.

Questo di oggi è un successo d Fd’I – prosegue Zaffini – in una battaglia che abbiamo portato avanti fin dall’inizio dell’epidemia. Finalmente, anche se con grave ritardo, il governo prende atto e dimostra un po’ di buon senso.

Purtroppo la scelta di chiudere a qualsiasi ipotesi di dialogo e di confronto con l’opposizione, decidendo follemente di porre la fiducia, ha impedito che questo ordine del giorno venisse approvato come emendamento.

Ora ci attendiamo che già nel prossimo decreto di aprile il governo mantenga l’impegno e individui le risorse necessarie, così da consentire quella mappatura della popolazione che è l’unico modo per restituire sicurezza ai cittadini nel momento in cui dovranno ripartire con le loro attività. Serve una ‘patente di immunità’ che solo in questo modo si potrà attuare”.