Coronavirus, movida con rissa: più che i guanti ci vogliono... i guantoni IL VIDEO - Tuttoggi

Coronavirus, movida con rissa: più che i guanti ci vogliono… i guantoni IL VIDEO

Redazione

Coronavirus, movida con rissa: più che i guanti ci vogliono… i guantoni IL VIDEO

Altro video su quello che è successo venerdì sera in centro | Appelli alle autorità e timori di misure restrittive
Sab, 23/05/2020 - 16:34

Condividi su:


Coronavirus, movida con rissa: più che i guanti ci vogliono… i guantoni IL VIDEO

Movida perugina, più che i guanti, per difendersi dal Coronavirus ci vogliono i… guantoni. Anche le botte ci sono scappate venerdì sera in piazza Danti, nella prima serata del weekend della piena Fase 2 dell’emergenza Coronavirus. Dopo il video che riprendeva la piazza piena di giovani, la maggior parte senza mascherina (o tenendola abbassata) e senza mantenere la distanza di sicurezza, ecco un altro video, ancora più preoccupante.

BOTTE A CHI NON RISPETTA LA DISTANZAA discapito di tutte le maldicenze che si dicono sulla scarsa responsabilità dei perugini, qui una rissa scoppiata ieri sera in centro tra chi rispettava e chi non rispettava il distanziamento sociale.Se c è qualcuno che non mantiene le distanze, è giusto corcarlo di botte.(È un post ironico of course) . Andrea Romizi Comune di Perugia Michele Fioroni Donatella Tesei Rita Passerini Marco Taccucci Massimo Sbardella Egle Priolo Ivano PorfiriMarco Giugliarelli Ughetta De Angelis Sarah Bistocchi Francesco Zuccherini Giuliano Giubilei Francesco Di Pietro Giovanni Dozzini Rocco Dozzini Viviana Bellavita Diego Baccarelli Michele Astioso Nucci Luca Preziosi Francesco Calabrese

Publiée par Aless Riccini Ricci sur Samedi 23 mai 2020

Qui, infatti, come si può vedere, non soltanto non si è mantenuta la distanza di sicurezza, ma alcuni giovani sono venuti alle mani, sulle scalette della Cattedrale.

A Perugia ieri sera è ripresa la movida. A voi i commenti.. i miei me li tengo stretti…(Video appena inviatomi)

Publiée par Francesco Giacopetti sur Samedi 23 mai 2020

Altri, un po’ impauriti, con la mascherina in volto, si sono tenuti a distanza. Altri ancora hanno continuato a bere il loro drink, indifferenti.

La rissa di Castel del Piano

Nei pressi di Castel del Piano il bar Dadando è stato chiuso per 5 giorni per una sorta di “responsabilità oggettiva” (come avviene con le società sportive in caso di incidenti nei pressi degli stati di calcio) a seguito della rissa che si è verificata l’altra notte.

Siamo baristi, non vigilanti” lo sfogo social dei gestori del locale.

La rissa in centro (magari alimentata dall’alcol) si è verificata nei pressi della Cattedrale…

Le parole del questore

“Il tema della ‘movida sconsiderata’ è un argomento molto serio da prendere in considerazione con duplice valenza – ha commentato il questore di Perugia, Antonio Sbordone , dopo i fatti di Castel del Piano – ostacolare la diffusione del virus covid-19 in questa delicata ed importantissima fase-2 e garantire l’ordine e la sicurezza pubblica, fattore essenziale per gestire in modo ottimale le criticità del periodo“.

Gli appelli al sindaco e alle forze dell’ordine

Video che stanno girando sui social. Insieme agli appelli di intervento da parte delle forze dell’ordine e del sindaco Andrea Romizi. Il rischio, infatti, è che, oltre a favorire il diffondersi del virus, simili comportamenti possano indurre le autorità ad adottare provvedimenti restrittivi. Che finirebbero per penalizzare tutti i perugini ed i gestori dei locali, già colpiti dal lungo lockdown.

Della situazione a Perugia (ma anche in altri centri della provincia, vedi Spoleto) è stata informata la Prefettura.

(Video della rissa dal profilo Facebook di Alessandro Riccini Rissi)


Condividi su: