Caso Utic Spoleto, dal Tribunale per i Diritti del Malato dure critiche alla direzione sanitaria dell'ospedale - Tuttoggi

Caso Utic Spoleto, dal Tribunale per i Diritti del Malato dure critiche alla direzione sanitaria dell'ospedale

Redazione

Caso Utic Spoleto, dal Tribunale per i Diritti del Malato dure critiche alla direzione sanitaria dell'ospedale

Mer, 11/07/2012 - 16:43

Condividi su:


Caso Utic Spoleto, dal Tribunale per i Diritti del Malato dure critiche alla direzione sanitaria dell'ospedale

Si è tenuta, lunedì scorso, nel Palazzo comunale, una conferenza stampa sul riordino dei servizi nella ASL3 cui il T.D.M. è riuscito a partecipare nonostante strane circostanze abbiano fatto del tutto per impedirlo. I responsabili della sanità hanno esordito con la consueta critica alle voci, secondo loro infondate, sulla perdita dell’UTIC a Spoleto. Le voci, sostengono, gridano “al lupo , al lupo” e poi non accade nulla .Il T.D.M. invece sostiene che ogni volta il lupo è arrivato e si è mangiato un pezzo del nostro ospedale: scuola infermieri, farmacia, magazzino, trasfusionale, neurologia e, attualmente, nonostante le massime rassicurazioni, anatomia patologica.

Ora tocca all’UTIC e questo si evince non da voci ma da un documento firmato dal Direttore gererale che così recita: “… la gestione dei pazienti con patologie tempo dipendenti … vengono gestite dall’UTIC di Foligno … la cardiologia di Spoleto … garantisce i pazienti postacuti o in fase di scompenso”. Chiunque sappia leggere capisce che Foligno rimarrà l’unico centro UTIC, mentre Spoleto avrà una cardiologia riabilitativa e per pazienti scompensati. La perdita dell’UTIC è gravissima per le sorti dell’ospedale stesso: infatti se un ospedale non dispone di Pronto soccorso, Rianimazione ed UTIC perde la qualifica di ospedale dell’Emergenza Urgenza ; questo significa, ad esempio, che a Spoleto non potrà più esserci il punto nascita: Il nostro ospedale diventerà Ospedale di Territorio con evidente declassamento.

Il TDM vuole ancora sottolineare che il documento parla dei servizi unificati (a Foligno) già effettuati, mentre i potenziamenti che riguardano Spoleto dovranno avvenire in futuro. Quindi da una parte la certezza di ciò che ci viene tolto, dall’altra l’elenco delle”possibilità di sviluppo nel prossimo futuro”. I conti non tornano. Il TDM è stato anche invitato dalla Dirigenza sanitaria ad occuparsi solo della qualità dei servizi e non della loro riorganizzazione che spetta ai tecnici. Ma noi pensiamo che se gli utenti di Spoleto vengono via via privati dei servizi ed obbligati a rivolgersi ad altri ospedali la qualità sarà sempre meno soddisfacente: quindi è compito del TDM fare chiarezza prima che sia troppo tardi. E comunque, anche al di fuori del TDM, ogni cittadino ha diritto di esprimere opinioni e dubbi e di dire la verità anche se scomoda, almeno fino a quando in Italia ci sarà la democrazia.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!