Casa Famiglia Nocera Umbra, Coletto: "Manca l'abitabilità della struttura"

Casa Famiglia Nocera Umbra, Coletto: “Manca l’abitabilità della struttura”

Redazione

Casa Famiglia Nocera Umbra, Coletto: “Manca l’abitabilità della struttura”

Il consigliere regionale: "Servono nuove regole per consentire agli anziani di rimanere lì"
Gio, 18/06/2020 - 10:17

Condividi su:


Casa Famiglia Nocera Umbra, Coletto: “Manca l’abitabilità della struttura”

La questione della Casa Famiglia di Nocera Umbra approda in consiglio regionale, con l’interrogazione di Vincenzo Bianconi e la risposta dell’assessore alla Sanità Luca Coletto, dopo aver infuocato la città. Una discussione che arriva all’indomani della visita del consigliere regionale nella struttura. La risposta di Coletto non lascia spazio ad alcuna interpretazione. Bianconi, nello specifico, ha chiesto “le ragioni per le quali l’azienda Usl 2 insisterebbe a richiedere la liberazione dell’immobile concesso in comodato d’uso a tali anziani nonostante l’offerta di pagamento di canone di locazione, specificando infine quali iniziative intende porre in essere a tutela degli anziani ospiti di tale co-housing alla luce della loro età molto avanzata e del pregiudizio di salute che potrebbe loro derivare da un trasferimento forzato in altre strutture site in comuni distanti”.

“Salvare gli anziani”

Il consigliere regionale sottolinea come gli anziani ospiti abbiano pagato tutto da soli, dall’assistenze, alle spese di cucina e per il personale, anche per la pulizia, sgravando Comune e Asl2 di 300mila euro di costi, gestendo il luogo e garantendo la manutenzione ordinaria. “Hanno persino speso 30mila euro di manutenzione da soli, tenendo la struttura in condizioni perfette, come ho potuto constatare di persona, visitandola. Le norme sono rispettate, il luogo è agibile, non gravano vincoli di destinazione sul terreno, l’unico limite è che il cambio di destinazione fatto era a tempo ed è scaduto. Occorre che la Asl faccia un bando per l’affidamento del bene, quindi che il Comune faccia il definitivo cambio di destinazione. Non ci sono irregolarità ma un modello virtuoso di cui quegli anziani sono orgogliosi e che andrebbe replicato anche altrove”.

Casa famiglia: struttura non a norma

Nella sua risposta, l’assessore Coletto ha ripercorso i fatti occorsi alla struttura fin dal dopo-sisma, rammentando la soluzione proposta di una “nuova struttura in altra sede in quanto attualmente non vi sarebbe conformità con le tipologie previste dal sistema sanitario regionale e sottolineando che gli anziani ospiti della struttura sono non autosufficienti e che mancherebbe l’abitabilità, come risulta dagli esiti di un controllo effettuato dal Nas, da cui emergerebbe la necessità di ricollocarli nelle proprie case o in residenza protetta. Lo stabile è di proprietà aziendale e la destinazione comunità terapeutica non è congruente con i requisiti strutturali per la residenza protetta, che richiedono precise attività di riabilitazione, bagni assistiti e procedure specifiche. I pazienti sono comunque stati monitorati e assistiti dietro prescrizione dei medici curanti e con prestazioni infermieristiche che prevedono l’impiego di presidi e materiale sanitario. È stata attivata la sorveglianza sanitaria prevista a seguito del diffondersi dell’epidemia Covid, ma la situazione rimane non a norma“.

“Cambiamo le regole”

Bianconi ha rinnovato la richiesta di intervenire sull’agibilità della struttura. “Bisogna cambiare qualche regola, non deve essere Rsa per il cambio di destinazione a residenza. Quegli anziani che tanto si sono prodigati con il comitato costituitosi vogliono stare lì, partecipando a una gara che consenta di non mandare in malora l’immobile. Dove peraltro ci sono anche magazzini, locali della scuola, della pro loco, mentre solo gli anziani sono stati sfrattati, per logiche che non hanno niente a che vedere con la situazione reale. Servono nuove regole”. 

La webinar

Bianconi lancia anche una webinar sul tema. Si chiama “Il modello Nocera Umbra – Cohousing e libertà di scelta”. L’appuntamento è per oggi pomeriggio alle 17 sulla pagina Facebook del consigliere. Intervrranno anche Annamaria Cacciamani, consigliere comunale di Nocera, l’ex consigliere regionale Maria Grazia Carbonari, Francesco Conti dell’associazione umbra cerebrolesioni, Luca Crocioni dell’associazione lotta abusi, Delfina Dati dell’associazione famiglie disabili Terni, Paola Meattini dell’associazione autismo e terapie e Franco Picchiarelli, dell’associazione Casa Famiglia di Nocera Umbra.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!