Ast tra emergenza Covid e vendita, il punto di Burelli alla messa di Pasqua

Ast tra emergenza Covid e vendita, il punto di Burelli alla messa di Pasqua

Redazione

Ast tra emergenza Covid e vendita, il punto di Burelli alla messa di Pasqua

Lun, 22/03/2021 - 12:33

Condividi su:


Ast tra emergenza Covid e vendita, il punto di Burelli alla messa di Pasqua

Burelli: "Accelerato le misure di efficientamento dei costi e gli investimenti". E il vescovo Piemontese si appella all'unità dei politici

“Nel mese in cui AST spegne la sua 137esima candelina, mi trovo in questa splendida cornice, in occasione della nostra tradizionale Messa di Pasqua, ad affermare con orgoglio che di fronte a questa dura prova la nostra Azienda si è dimostrata solida e compatta, unita e determinata nel proseguire la propria attività, con rinnovato spirito e la qualità di sempre”. Così l’amministratore delegato di Ast, Massimiliano Burelli, in occasione della messa di Pasqua celebrata in Duomo a Terni, facendo riferimento all’emergenza Coronavirus. Una celebrazione speciale perché si è ricordata anche la storica visita alle acciaierie ternane di Papa Giovanni Paolo II, avvenuta 40 anni fa.

Ast e Covid, il ringraziamento di Burelli

Ancora una volta e fuori da ogni retorica, – ha detto Burelli – voglio esprimere un sentito grazie a tutti voi che vi siete impegnati al massimo nel vostro lavoro. Un grazie a chi è entrato ogni giorno vincendo la paura col coraggio, a chi ha assistito i nostri clienti con tempestività. A chi, anche a distanza, ha trasformato la propria casa in un ufficio per sostenere e supportare il lavoro del personale impegnato in prima linea. Noi da parte nostra abbiamo messo in campo sin da subito tutte le azioni necessarie per tutelare la salute e la sicurezza di tutti voi. È stata questa la nostra priorità assoluta. Di fronte all’emergenza ci siamo fatti trovare pronti e abbiamo dimostrato capacità di adattamento. Per questo, dopo essere stati riconosciuti lo scorso maggio come prima realtà industriale italiana certificata anti Covid, oggi abbiamo ottenuto un secondo attestato, My Care Readiness Level di DNV GL, uno dei principali enti di certificazione e verifica a livello mondiale, a testimonianza del fatto che il modello di prevenzione del rischio di infezione adottato da AST è allineato alle migliori “good practices” nazionali ed internazionali”.

L’impegno su sostenibilità economica, sociale e ambientale

Nello scenario che si è andato delineando negli ultimi 12 mesi, anche valori come l’onestà, la fiducia e l’attenzione ai bisogni della comunità si sono dimostrati di massima importanza per le imprese, contribuendo fortemente al loro valore e alla loro reputazione. Investire nella sostenibilità economica, sociale e ambientale rappresenta una scelta forte e decisiva per tutte le aziende. Ast porta avanti questo impegno da anni, avendo maturando nel tempo la consapevolezza che solo attraverso l’integrità ed elevati standard etici un’azienda può ottenere la fiducia di tutti gli stakeholder. Per questo, pur non rientrando tra i soggetti per i quali la legge lo prevede come obbligatorio, abbiamo deciso di redigere e presentare volontariamente ogni anno, il nostro Bilancio di Sostenibilità, come atto di trasparenza e di responsabilità sociale. La sostenibilità in tutte le sue accezioni è per Acciai Speciali Terni un valore. Perché l’Azienda vuole contribuire alla salvaguardia del clima, ad una crescita economica sostenibile e alla tutela dei diritti umani, in modo coerente con gli obiettivi del Green Deal promosso dall’Ue e con l’Agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile. Ma la sostenibilità per AST è anche una strategia. Perché ridurre gli impatti ambientali delle produzioni, migliorare l’efficienza nell’uso delle risorse, sviluppare nuovi modelli di business socialmente responsabili è determinante anche dal punto di vista della competitività economica e del successo delle strategie aziendali”.

La vendita di Ast

Un passaggio del suo intervento, Burelli lo ha fatto anche sulla vendita di Ast: ” Quest’anno, come sapete, ci ha posto davanti un’ulteriore sfida. Dopo la decisione di Thyssenkrupp di verificare nuove prospettive per la divisione Material Services di cui AST era parte, inizieremo a lavorare alla ricerca di una nuova proprietà o di un azionista di maggioranza

Noi siamo pronti, così come lo è il fondo Jp Morgan che ricopre il ruolo di advisor per la vendita di AST e vaglierà, alla partenza della procedura di vendita, le manifestazioni d’interesse con la massima attenzione, avendo come obiettivo anche quello di garantire lo sviluppo e la crescita della nostra Azienda. È importante ricordare che, nonostante tutte le difficoltà, non abbiamo mai fermato, anzi abbiamo accelerato le misure di efficientamento dei costi e gli investimenti, continuando il nostro percorso verso una produzione improntata alla massima efficienza, alla sostenibilità ambientale e all’economia circolare. 

Si punta al trasporto merci via treno

Nella direzione di riduzione dei costi dei trasporti e delle emissioni inquinanti nell’ambiente, abbiamo seguito il sogno di raggiungere una percentuale sempre più alta di trasporto merci via treno. Abbiamo iniziato a crederci 4 anni fa, quando l’Azienda si fermava al 20% di merci trasportate su rotaia e quando ancora oltre 250 camion al giorno attraversavano Terni con il conseguente impatto sull’ambiente. Da qui è partita la sfida: utilizzare il treno per cambiare il paradigma.

Oggi siamo arrivati al 60%, abbiamo 4 partner ferroviari, il prezioso supporto di RFI ed il sogno di un sistema integrato tra AST, stazione di Terni, piastra logistica Narni, che ci porti dritti all’obiettivo “treno 100%”. Ci crediamo così tanto perché i numeri sono dalla nostra parte, se si considera che la Co2 generata dal trasporto su rotaia è 1/5 di quella prodotta su gomma”.

Le api per l’analisi della qualità dell’aria

“Insieme all’Università di Perugia è partito un esperimento che per la prima volta ha un’Acciaieria come location: abbiamo installato una serie di alveari all’interno del nostro stabilimento, trasformando le api in preziose alleate per raccogliere dati importanti sulla qualità dell’aria nel territorio.

Api per combattere inquinamento, Ast Terni sulla scia di Francoforte e Chernobyl

All’interno del perimetro aziendale sono stati posizionati dieci alveari con colonie di api italiane autoctone, le più indicate per perlustrare il territorio circostante e individuare le aree sensibili per lo sviluppo di una rete di monitoraggio. Queste azioni testimoniano come AST sia vicina al territorio, consapevole del proprio ruolo sociale. E di questo andiamo fieri”.

Burelli: tutela salute e sicurezza mia priorità

Iconicità, procedure snelle, innovazione, prestazioni misurabili chiare, approccio semplice e diretto, risparmio e sostenibilità. Sono i sette fattori per cui AST ha vinto il premio LEANICON 2020, il riconoscimento che AILM Associazione Italiana Lean Managers ed ALES the European Lean Managers Society assegnano all’azienda che più si è distinta in termini di Lean Production a livello Europeo. Al netto di questi risultati importanti, come ripeto da quando sono alla guida di AST, il mio primo obiettivo resta e resterà sempre la tutela della vostra salute e sicurezza e vi garantisco che non abbasseremo mai la guardia.

Le difficoltà non ci hanno fermato e questo ci ha permesso di raggiungere traguardi importanti che devono rendere tutti voi orgogliosi di far parte di una squadra forte e unita. Le nostre persone rappresentano la nostra Azienda e la nostra Azienda rappresenta un Paese intero che resiste e lavora duramente per archiviare questo delicato periodo e guardare con fiducia al futuro. Consentitemi ora di formulare i miei più sinceri auguri di Buona Pasqua a tutti voi e alle vostre famiglie”.

Il vescovo Piemontese e il ricordo della visita di Giovanni Paolo II all’Ast

Nella sua omelia, il vescovo di Terni, monsignor Giuseppe Piemontese, ha ricordato come “tutta la comunità si è convocata per ricordare e sottolineare la storica visita di papa Giovanni Paolo II, oggi santo, alle Acciaierie, alla città di Terni e alla Diocesi di TNA.  Era il 19 marzo 1981, festa di San Giuseppe lavoratore. Questa vuole essere un’occasione di preghiera, di memoria, di riflessione e di speranza per la città e, in particolare, per le Acciaierie, per tutto il mondo del lavoro della nostra comunità”.

Richiamando il Vangelo, il presule ha ricordato che “Gesù fa riferimento alla legge della natura: per essere fecondo e generare altra vita occorre accettare di trasformarsi, morire, marcire. Da un chicco, che marcisce sotto terra, si genera una spiga, molti chicchi di grano, che costituiranno l’alimento di vita per tanti. E’ la legge della natura, che passa dalla esperienza della fatica, del sudore, del sacrificio per produrre, inventare, creare, generare vita.  Pensiamo al sacrificio dei genitori per realizzarsi, curare e far crescere i figli. La stessa logica presiede al mondo del lavoro: la fatica, la dedizione, lo spirito di corpo e di sacrificio per la propria impresa, l’azienda, la fabbrica, la città.

In questi tempi abbiamo sotto gli occhi il sacrificio e la dedizione di medici, infermieri, sacerdoti, operatori, volontari civili e militari per curare e alleviare pene e sofferenze di malati, anziani, famiglie contagiate. Molti hanno sacrificato anche la propria vita. L’assurdità della croce di Cristo viene illuminata in parte da queste immagini ed esperienze tanto vicine e proprie della nostra umanità”.

“Pandemia ha prostrato anche il nostro territorio”

“Quaranta anni fa, – ha aggiunto mons. Piemontese – il papa san Giovanni Paolo II, a partire dalla esperienza del lavoro in fabbrica, annunciò nella nostra città il vangelo del lavoro, dell’amore, della vita. Oggi alcune problematiche sono cambiate e migliorate solo in parte, mentre siamo alle prese con una crisi di sistema, di trasformazioni che non riusciamo a cavalcare, e da un anno con la pandemia del Covid-19, che ha prostrato la nostra società e anche il nostro territorio.

La memoria della visita a Terni del papa san Giovanni Paolo II, 40 anni fa, col suo messaggio di speranza, tuttora attuale, alle Acciaierie, al mondo del lavoro, alla città, alla diocesi, può sostenere gli sforzi della chiesa, dei concittadini, uomini e donne di buona volontà, a promuovere il rinnovamento e lo sviluppo sociale e religioso.

Appello all’unità dei politici

Rivedendo i gesti di quella visita memorabile, e le parole del papa santo possiamo trovare spunti e suggerimenti per inventare e seguire vie di un nuovo umanesimo e crescita sociale. La nostra città, capoluogo e capofila della pluralità delle città e dei castelli del territorio, non può rassegnarsi al declino indotto da scelte sbagliate locali e generali, da egoismi di campanile o di parte, e da ultimo dalle asfissie, dalle limitazioni e dai fallimenti causati dalla pandemia. Parafrasando le parole di Gesù, è utile prendere consapevolezza che “se una città è divisa in se stessa, va in rovina; e una casa cade sull’altra” (Lc 11, 17).

In un’ora grave e delicata, varie vicende politiche hanno portato la nostra Italia a dotarsi di un governo di collaborazione nazionale. Un analogo spirito dovrebbe spingere la classe dirigente e tutte le forze culturali, civili, politiche e sociali più significative della città e della regione in uno straordinario sforzo generoso a collaborare a favore della Next Generation a Terni, in Umbria, in Italia e in Europa.

Alcune menti illuminate sono già al lavoro con proposte ideali ed operative. Va sostenuto e promosso da parte dei responsabili della Civitas ogni sforzo e progetto positivo e propositivo di risveglio e di sviluppo civile, sociale e religioso.

La comunità ecclesiale, celebrando il gesto più santo ed efficace della propria esperienza religiosa, l’Eucaristia, vuol dare il proprio contributo per promuovere un senso alto del lavoro umano e l’edificazione di una nuova società. Il pane e il vino, “frutto della terra e del lavoro dell’uomo” nell’Eucaristia diventano Gesù Cristo, cibo e bevanda di vita, medicina che cura il corpo, l’anima e lo spirito, debilitati da comportamenti autodistruttivi e dalla pandemia. L’Eucarestia, convito dei credenti, rinnovato ogni domenica, giorno del riposo dal lavoro e della festa, diventi per tutti premessa, modello e speranza certa di un futuro di giustizia, di condivisione e di benessere nella comunità degli uomini.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!