ASD. BOXE FOLIGNO: IMPROTA E' PRONTO AL RITORNO - Tuttoggi

ASD. BOXE FOLIGNO: IMPROTA E' PRONTO AL RITORNO

Redazione

ASD. BOXE FOLIGNO: IMPROTA E' PRONTO AL RITORNO

Ven, 04/04/2008 - 22:02

Condividi su:


Può proprio definirsi un’odissea la storia di Giovanni Improta, ragazzo non udente che da tanto, troppo tempo attendeva il nulla osta da parte della federazione italiana di pugilato per poter risalire sul ring. Nato a Napoli il 16 maggio del 1987, Giovanni in pochi anni ha scalato tutte le classifiche della Kick Boxing, arrivando anche a conquistare il titolo di campione del mondo della disciplina Kick Boxing Junior W.K.L. Grazie ad un carattere tenace, alla competenza del padre, che gli ha trasmesso un’ottima preparazione tecnica, Giovanni sembra nato per il combattimento in qualsiasi disciplina, come dimostrato dai 31 successi per ko ottenuti in ambiti diversi. (PLURICAMPIONE ITALIANO JUNIOR E VINCITORE DI DUE COPPE DEL MONDO C.K.A. NEL KUNG FU SANDA – PLURICAMPIONE ITALIANO E INTERNAZIONALE W.K.M.A.; CAMPIONE EUROPEO W.K.M.A.; CAMPIONE EUROPEO W.K.L. JUNIOR; CAMPIONE DEL MONDO JUNIOR W.K.L. NELLA KICK BOXING – 6 KO A LIVELLO ITALIANO NEL PUGILATO DILETTANTISTICO — QUESTI SOLO ALCUNE DELLE SODDISFAZIONI DI Giovanni Improta). Adesso Giovanni ha deciso di dedicarsi soltanto al pugilato (categoria 69 kg) e per farlo ha scelto una palestra di tradizione come quella di Foligno, sotto la guida del maestro Claudio Appolloni. Ma la storia di Giovanni non è tutta rose e fiori come potrebbe sembrare a primo acchitto, perché dopo tre anni sperimentali, nei quali l’atleta ha potuto combattere in territorio italiano (13 match di cui 7 vinti per KO prima del limite), nel 2006 la federazione aveva negato a Giovanni di salire sul ring perché non udente. Da due anni allora è iniziata per il pugile, trapiantato in Umbria con la sua famiglia, e per i suoi amici dell'asd boxe Foligno una dura battaglia per ottenere il diritto di potersi confrontare a livello agonistico con altri pugili. Sono state tante e soprattutto vane le strade percorse dalla famiglia Improta, a cui veniva negata la licenza di combattere per Giovanni per problemi tecnici soprattutto di arbitraggio e forse anche perché si trattava dell’unico pugile sordomuto a livello europeo. Ma dopo la partecipazione su Rai Uno ad Unomattina, dello scorso 28 marzo, qualcosa si è mosso e, dopo qualche giorno, finalmente per Giovanni si sono riaperte le porte del ring. (Forse anche perché si è scoperto che un pugile ungherese non udente sarà alle prossime Olimpiadi di Pechino). Ottenuto il nulla osta federale è stata subito premura del maestro Appolloni organizzare un incontro per il talento 21enne, che sarà ben felice di mostrare le sue qualità il prossimo 26 aprile ad Ancona, in qualità di sfidante ufficiale alla corona del centro Italia. Una storia a lieto fine possiamo dire, la fine di traversie interminabili per Giovanni che lo riqualificano, non solo come atleta, ma soprattutto come uomo in quanto ha dimostrato, sul ring, di non aver nulla in meno degli altri, anzi al contrario forse qualcosa in più come la correttezza, la tecnica, il rispetto e soprattutto un pugno di pietra.


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!