Ancora una tragedia sull'autostrada A1, muore una donna - Tuttoggi

Ancora una tragedia sull’autostrada A1, muore una donna

Sara Fratepietro

Ancora una tragedia sull’autostrada A1, muore una donna

Nuovo incidente stradale mortale nel tratto umbro dell'autostrada del Sole tra Fabro e Orvieto dopo i terribili incidenti di una settimana fa
Gio, 06/09/2018 - 15:16

Condividi su:


Ancora una tragedia sull’autostrada A1, muore una donna

Ancora un incidente mortale sul tratto umbro dell’autostrada A1, tra Fabro e Orvieto. Frammentarie le informazioni sulla dinamica del sinistro, al momento si sa solo che a perdere la vita è stata una donna. Sul posto stanno operando i vigili del fuoco di Orvieto, oltre a 118, polizia stradale e personale di Autostrade per l’Italia. Il traffico risulta al momento rallentato.

L’incidente è avvenuto all’altezza del km 434 dell’autostrada Milano – Napoli, in direzione Firenze, poco distante da dove appena 8 giorni fa si sono verificati due terribili incidenti nei quali sono morte carbonizzate tre persone, al mattino un giovane con il suo figlioletto di nemmeno 10 anni e la sera – per un maxitamponamento – un giovane camionista straniero. Per la prima tragedia, il 29 agosto, è stato arrestato un autotrasportatore straniero alla guida di un mezzo pesante che si è scontrato con l’auto a bordo della quale viaggiava una famiglia campana. Unica sopravvissuta una donna, che era riuscita ad uscire dal veicolo prima che questo prendesse fuoco non lasciando scampo a suo marito ed al piccolo. Per tutto giorno il tratto di autostrada in questione era rimasto chiuso al traffico, provocando deviazioni e lunghe code. Proprio per questo la sera si era verificato un tamponamento tra mezzi pesanti che aveva causato la morte di un’altra persona, un giovane camionista, anche lui morto nel rogo divampato dal suo mezzo.

Ad evidenziare la pericolosità del tratto autostradale che ricade nel territorio dell’Umbria era stato il consigliere regionale Marco Squarta nei giorni scorsi, sollecitando la realizzazione della terza corsia.

(foto di repertorio)


Condividi su:


Aggiungi un commento