Allarme siccità, condotte irrigue Montedoglio insufficienti e danni all'agricoltura - Tuttoggi

Allarme siccità, condotte irrigue Montedoglio insufficienti e danni all’agricoltura

Redazione

Allarme siccità, condotte irrigue Montedoglio insufficienti e danni all’agricoltura

Il vicesindaco di Citerna torna a far presente il problema e si appella all'Ente gestore dell'intera rete irrigua
Ven, 24/07/2015 - 10:29

Condividi su:


Il Vicesindaco di Citerna, Benedetta Barberi Nucci, è seriamente preoccupato per i profondi disagi che gli agricoltori del proprio Comune stanno affrontando a causa della siccità delle ultime settimane, oltremodo aggravata dalle carenze della rete irrigua di Montedoglio.

E’ ormai evidente – dichiara Barberi Nucci – che la stazione di pompaggio del comparto in località Carsuga (Citerna) è sottodimensionata per il reale fabbisogno idrico delle aziende agricole sia del versante toscano (Monterchi) che di quello umbro, tanto da non garantire nemmeno l’approvvigionamento durante gli orari notturni consentiti (dalle 21 alle 8)”.

Sarebbe ormai divenuta consuetudine, infatti, la comunicazione della Comunità Montana, alle prime luci dell’alba, di chiusura anticipata delle condotte per carenza d’acqua con la conseguente sospensione dell’irrigazione da parte degli agricoltori, che devono scongiurare danni alle colture anche per il calo della pressione di pompaggio.

Situazione, questa, – continua il vicesindaco – di estrema gravità per il danno economico che le aziende agricole si trovano ad affrontare vista la necessità improcrastinabile di irrigare le colture in piena fase di sviluppo come tabacco e mais, considerato che, nella maggior parte dei casi, si sono viste costrette ad uniformarsi proprio all’utilizzo di questa rete irrigua che, oggi, sembra non garantire loro un sufficiente approvvigionamento”. “Appare, dunque, doveroso – conclude – un appello all’Ente gestore dell’intera rete irrigua di Montedoglio per una politica sensibile che vada ad incrementare il rilascio dell’acqua e a potenziare le stazioni di pompaggio oggi in evidente affanno nel fronteggiare la domanda delle aziende agricole che rappresentano, senza dubbio, un elemento cardine della nostra economia locale”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!