A Terni scoppia la grana dei testi e ausili didattici venduti direttamente a scuola - Tuttoggi

A Terni scoppia la grana dei testi e ausili didattici venduti direttamente a scuola

Redazione

A Terni scoppia la grana dei testi e ausili didattici venduti direttamente a scuola

Lupi (Confcommercio), "Un fenomeno sempre più diffuso, illegale e preoccupante" | Segnalazione alla Guardia di Finanza
Dom, 17/06/2018 - 09:41

Condividi su:


Anche a Terni, la vendita diretta dei libri nelle scuole da parte di rappresentanti editoriali, espressamente vietata dalla legge, sta diventando una pratica diffusa e preoccupante.

Per questo motivo Confcommercio Terni ha denunciato il fenomeno agli Uffici scolastici Provinciale e Regionale, ai singoli dirigenti scolastici del territorio, al Comando della Polizia municipale di Terni e al Comando della Guardia di Finanza di Terni, in rappresentanza delle librerie e cartolibrerie associate, chiedendo interventi mirati ed efficaci.

“Le librerie e le cartolibrerie – commenta il presidente di Confcommercio Terni Stefano Lupi – rappresentano l’anello finale della catena distributiva, quello più idoneo per la commercializzazione dei testi. Garantiscono l’assistenza agli studenti, alle loro famiglie, agli stessi docenti, sul territorio e durante tutto l’anno scolastico, oltre a rappresentare dei presidi fondamentali per la diffusione della lettura, del libro e dell’offerta culturale.

Abbiamo però visto che anche a Terni si sta diffondendo la pratica dell’acquisto diretto di sussidi didattici, libri vacanze e di narrativa, dizionari, diari e così via, da parte di personale docente e non docente delle scuole, attraverso l’intermediazione di rappresentanti editoriali o altre figure comunque non autorizzate.

Questo commercio non è consentito, in virtù della legge che vieta la vendita dei libri all’interno delle scuole primarie, e non risulta nemmeno conforme alla normativa fiscale in materia di attività di commercio al dettaglio”.

Confcommercio auspica che sia potenziata sempre di più la collaborazione fra le librerie e le scuole di ogni ordine e grado sul territorio. Chiede però un intervento degli Uffici Scolastici del territorio per verificare che le scuole rispettino la normativa vigente e la prassi indicata, ricordando i ruoli e le competenze, nonché le possibili conseguenze di comportamenti illeciti. E chiede agli organi di controllo di non abbassare la guardia sul territorio.

“Solo nel rispetto della legge e nella condivisione di regole chiare – sottolinea il presidente di Confcommercio Terni Stefano Lupi – si può realizzare anche nella nostra comunità un mercato efficiente e in grado di generare un benessere diffuso.”

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!