Terni, rifiuti e mense le battaglie di Forza Italia

Terni, rifiuti e mense le battaglie di Forza Italia

“Per tutelare i cittadini non basta solo urlare, servono proposte concrete” | Continueremo a lottare per la città

Università, rifiuti, mense, qualità dell’aria, società partecipate, l’Asm e la sua possibile privatizzazione, sono solo alcuni dei principali temi affrontati alla conferenza stampa organizzata dal gruppo regionale di Forza Italia Umbria, del gruppo consiliare del Comune di Terni e del Coordinamento provinciale di Forza Italia. All’incontro, tenutosi presso la Sala Consiliare della Provincia di Terni, hanno preso parte Raffaele Nevi e Francesco Maria Ferranti, leader regionali e comunali di FI.

L’appuntamento di oggi – ha piegato Francesco Maria Ferranti – è stato indetto per ribadire le posizioni di Forza Italia su delle tematiche importanti e per rendicontare ai cittadini e alla stampa le attività che stiamo intraprendendo in un momento in cui il nostro capoluogo è afflitto da diverse criticità, bilancio, ambiente e dove abbiamo portato a casa un risultato di grande importanza”.

Il tema più discusso è stato quello dei rifiuti. Sia Nevi che Ferranti hanno analizzato l’incontro con la presidente Marini come una vittoria parziale. “Per adesso – racconta Raffaele Nevi –  abbiamo impedito che nuovi rifiuti invadessero Terni, ma in passato ci hanno abituato a fare carta straccia di atti firmati all’unanimità. Abbiamo ottenuto un risultato importante, ma non possiamo cantare vittoria. Continueremo a vigilare per evitare che, sotto la pressione del Governo, sindaco, assessore regionale all’Ambiente e presidente della Regione facciano marcia indietro. Non permetteremo che le belle parole sentite ieri siano solo un rinvio”.

Nell’incontro si è parlato a lungo anche di un particolare tipo di rifiuti, quelli appartenenti alla categoria CSS (Combustibile Solido Secondario). Si tratta di un tipo di combustibile derivato dalla lavorazione dei rifiuti urbani non pericolosi e speciali non pericolosi. “La Regione Umbria – spiega Raffaele Nevi – sembra intenzionata a spedire questo tipo di rifiuti in Toscana. Non conosciamo i costi di questa operazione e non sappiamo se verranno respinti al mittente. In realtà nella nostra regione ci sono strutture che non solo potrebbero smaltire in sicurezza questo tipo di rifiuti ma potrebbero trarne dei benefici. Penso alle cementerie di Gubbio che consumano carbon coke, e che bruciano rifiuti a una temperatura talmente alta che consentirebbe di smaltirli in sicurezza

Nel mirino di Forza Italia, sempre in tema di rifiuti, anche la raccolta differenziata portata avanti dal binomio ASM-Comune: “Terni è l’ultimo comune umbro per quantità di rifiuti differenziati – prosegue Nevi – si sono posti il lodevole obiettivo di raggiungere il 75% ma come riusciranno in questa impresa visto che a Terni non funziona neanche la raccolta indifferenziata e capita spesso di imbattersi in pieno centro in discariche a cielo aperto? Come sempre si spendono tante belle parole ma poi non si fa mai niente di concreto

Esaurito l’argomenti rifiuti si è parlato di quella che Ferranti ha definito una vittoria di Forza Italia, ossia la cottura in loco dei cibi nelle mense.

Noi non urliamo soltanto – e qui Ferranti fa riferimento ai 5 stelle – ma cerchiamo di cambiare le cose nelle sedi opportune, non creando il panico su facebook. Molta gente vede la politica come qualcosa di brutto, ma non è così. Possiamo cambiare questa città ma per farlo abbiamo bisogno del sostegno delle idee dei cittadini che si sono stancati di un certo modo di fare”.

Idee chiare anche sulla possibile privatizzazione dell’ASM che secondo Nevi non dovrà ripercorre la strada intrapresa da altre aziende pubbliche come l’ex Fcu.