Sciopero alla Oma Tonti, tutto il personale incrocia le braccia

Sciopero alla Oma Tonti, tutto il personale incrocia le braccia

Dura nota dei sindacati contro l’azienda, secondo i quali ‘non consente di avere un quadro certo sulle prospettive’

Sciopero alla Oma Tonti di Foligno, così hanno deciso i sindacati dell’industria aeronautica folignate: un vero e proprio fulmine a ciel sereno, considerando che si tratta di una delle eccellenze umbre a livello mondiale ed una delle rare imprese con vento in poppa del territorio, fonte occupazione per tanti giovani.

Lo annunciano, in una nota congiunta le sigle sindacali Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil di Perugia e dell’Umbria, unitamente alla Rsu Oma Tonti Spa di Foligno: sentiti i lavoratori nel corso dell’assemblea dello scorso tre marzo, viene comunicato lo ‘stato di agitazione’ di tutto il personale, a seguito del quale sono state indette, per la giornata di martedì 7 marzo, quattro ore di sciopero che vedranno i lavoratori concentrarsi – dalle 6 alle 11– di fronte alla sede centrale dell’azienda in via Cagliari, 20 a ridosso dell’aeroporto di Foligno.

Stando a quanto reso noto dai sindacati, le ragioni della protesta sarebbe riconducibili all’atteggiamento assunto dalla proprietà riguardo le relazioni industriali, che – si legge nella nota – non consente di avere un quadro certo circa le prospettive di sviluppo dell’azienda. La Oma Tonti di Foligno – proseguono – rappresenta un’eccellenza nel settore aereonautico, che impiega più di seicento persone.