UmbriaMiCo, l’Agenda ONU 2030 per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile - Tuttoggi

UmbriaMiCo, l’Agenda ONU 2030 per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Redazione

UmbriaMiCo, l’Agenda ONU 2030 per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

La Regione Umbria è partner di UmbriaMiCo – Festival del Mondo in Comune  un progetto coordinato dalla Ong TAMAT e sostenuto da Agenzia  Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS)
Ven, 30/03/2018 - 11:54

Condividi su:


UmbriaMiCo, l’Agenda ONU 2030 per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

UmbriaMiCo alla sua 1° edizione è il frutto di un’alleanza tra istituzioni regionali, enti locali, associazioni, università, organizzazioni della società civile e realtà aziendali attente ai temi dello sviluppo sostenibile. Ha un programma che verrà proposto in un intreccio di arti visive e narrative, cibo, musica, giochi, laboratori creativi e convegni.

La scommessa è alimentare attenzioni e sensibilità su come ogni persona puo’ contribuire (partendo dalla propria realtà locale) agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) e al valore trasformativo dell’Educazione alla Cittadinanza Globale quale motore di sviluppo di territorio e comunità.

All’evento di MERCOLEDÌ 4 APRILE partecipano i rappresentanti di: Presidenza dell’Assemblea Legislativa dell’Umbria, Agenzia Italiana Cooperazione allo Sviluppo, Università degli Studi di Perugia, ANCI Umbria, Associazione degli Ivoriani, Direzione Affari Europei e Relazioni Internazionali della Regione Umbria e Servizio Relazioni Internazionali della Regione Marche.

L’incontro servirà a uno scambio di idee necessarie a dare concretezza a praticare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) dell’ONU anche nel territorio regionale. Significativo sarà in questo senso il contributo di imprese che dall’Umbria guardano alla nuova disciplina sulla cooperazione (legge n.125 del 2014), che offre la possibilità di una convergenza fra imprese profit e realtà non profit anche sul quadrante di cooperazione allo sviluppo.

Tra i relatori partecipano Eat Montefalco, Novamont, Azienda Agricola Palazzone e Techne Srl.

Tamat – carta d’identità.

Organizzazione non governativa riconosciuta dal Ministero degli Affari esteri e dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo: dal 1995 ha sviluppato progetti in Albania, Bolivia, Bosnia, Burkina Faso, Mali, Perù, Suriname oltre che Italia nelle regioni di Umbria, Emilia Romagna, Marche, Lazio, Piemonte e Puglia.
I suoi partner europei per l’attuazione dei progetti UE sono basati in: Austria, Belgio, Cipro, Francia, Grecia, Germania, Gran Bretagna, Lituania, Polonia, Portogallo, Slovenia e Spagna.Tamat lavora su sicurezza alimentare, agricoltura, turismo rurale comunitario, imprenditorialità sociale e micro-credito.

Aggiungi un commento