Treni a Spoleto, bene il Frecciabianca ma ci sono questioni irrisolte

Treni a Spoleto, bene il Frecciabianca ma ci sono questioni irrisolte

Il ringraziamento del Comitato Viaggiatori di Spoleto all’amministrazione comunale per l’impegno sul Frecciabianca, ora chiesto un incontro per le altre questioni aperte

share

Bene la fermata del Frecciabianca a Spoleto, ma su ciò che riguarda i treni ed annessi e connessi rimangono varie questioni irrisolte. E’ per questo che il Comitato Viaggiatori di Spoleto ha chiesto un incontro all’amministrazione comunale.

In una nota, il Comitato Viaggiatori di Spoleto ringrazia il Sindaco Umberto De Augustinis, l’Assessore allo Sviluppo Economico Ada Urbani, il Presidente del Consiglio Sandro Cretoni e l’amministrazione tutta “per l’impegno profuso nel ripristino del Frecciabianca a Spoleto, richiesta alla Regione Umbria e a Trenitalia da anni con forza dai cittadini e dalle varie amministrazioni di Spoleto e Valnerina, da parte di tutti i gruppi politici e dalle associazioni di categoria”.

Quindi l’annuncio di aver richiesto un incontro all’amministrazione “per chiedere informazioni specialmente riguardo allo stato dei lavori delle infrastrutture di binari e stazione, notizie sul parcheggio, sulla possibilità di comprare la carta Tutto treno a Spoleto e su dettagli tecnici di intercity e regionali che andrebbero urgentemente migliorati”. 

Nei giorni scorsi, infatti, prima della sua sospensione temporanea, era trapelato come la biglietteria della stazione di Spoleto (riaperta a fine novembre e gestita da Busitalia) non fosse autorizzata ad emettere la Carta tutto treno. Una questione che ha mandato su tutte le furie i pendolari spoletini, che chiedono di chiarire la questione.

share

Commenti

Stampa