Tragedia a Magione / Bimbo trovato morto sul lettino / Aggiornamento

Tragedia a Magione / Bimbo trovato morto sul lettino / Aggiornamento

Sul posto medico legale e carabinieri


share

Avrebbe compiuto 5 anni il prossimo settembre il piccolo M. Questa mattina intorno alle 9 la madre lo ha trovato morto nel suo lettino. Sembrava dormisse, e invece il più atroce degli incubi per una giovane mamma era diventato realtà. Inutili le grida, i tentativi di svegliarlo, inutile anche l’arrivo dei medici del 118 che in pochi minuti dalla postazione di Passignano hanno raggiunto la casa lungo la strada principale che arriva a Magione in via Forma Nuova. Per il piccolo non c’era più nulla da fare, un malore forse, sul quale adesso per fare chiarezza, il magistrato di turno, sostituto procuratore Manuela Comodi ha già disposto l’autopsia del piccolo corpicino.

Esami che serviranno ad escludere ogni altra possibile causa e a capire se la patologia, di cui sembra il bambino soffrisse dalla nascita, sia stata la causa della morte. Sul posto i carabinieri della stazione di Magione guidati dal maresciallo Vincenzo Crecco e coordinati dal comandante della compagnia di Città della Pieve Marcello Sardu, hanno atteso l’arrivo del medico legale, che avrebbe, dopo un primo esame del corpo, escluso la presenza di traumi. Una tragedia che ha colpito due genitori perugini, da qualche anno trasferitisi a Magione in una dependance adiacente alla casa dei genitori della giovane mamma. In paese non ancora molto conosciuti, ma da oggi nei pensieri commossi di tutta la comunità.

—————————

Una tragedia si è consumata questa mattina, intorno alle 9, a Magione, cittadina nei pressi del Lago Trasimeno in provincia di Perugia: un bimbo di 4 anni è stato trovato morto nel suo lettino. Sul posto si sono recati il medico legale e i carabinieri della stazione locale. La salma del piccolo, i cui genitori sono di origine italiana, è stata trasferita al Santa Maria della Misericordia. Si tratterebbe di un decesso sopraggiunto per cause naturali. A breve aggiornamenti.

Riproduzione riservata

share

Commenti

Stampa