Todi, da febbraio ciclo di conferenze sulla Prima Guerra Mondiale

Todi, da febbraio ciclo di conferenze sulla Prima Guerra Mondiale

“1918-2018. A Cento anni dalla prima guerra mondiale: l’eredità di una vittoria. La costruzione dell’identità italiana e la formazione della coscienza nazionale”

share

Il Comune di Todi, in occasione dei 100 anni dalla firma dell’Armistizio di Villa Giusti, intende promuovere una serie di eventi di alto profilo culturale al fine di approfondire gli importanti aspetti che hanno contribuito alla costruzione della nostra identità italiana. Un processo lungo e complesso che però trovò nella vittoria del primo conflitto mondiale un momento fondante e decisivo.

Il calendario di incontri mira a delineare in tutte le sue sfaccettature questo significativo tema con l’ambizione di leggere la realtà socio politico economica attuale italiana ed europea proprio alla luce degli avvenimenti di 100 anni fa, dando una continuità alla storia italiana.

L’intento è far si che la città di Todi, nell’arco di tempo che andrà da febbraio a novembre, possa diventare un laboratorio culturale di stimolo ad una serie di riflessioni, soprattutto a vantaggio dei giovani che con il loro entusiasmo animano le nostre scuole per dare loro quella consapevolezza e quella responsabilità di italiani, di giovani eredi di chi alla loro stessa età, cento anni fa, sacrificò la propria vita per un’Italia ancora da costruire.

Il primo incontro si è è tenuto sabato 3 febbraio prossimo presso la Sala del Consiglio e ha avuto come protagonisti il Colonnello Cristiano Maria Dechigi, vicecomandante della Brigata Folgore, già direttore dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’esercito Italiano, sul tema “Struttura e attività dello Stato Maggiore prima del conflitto” ed il professore Aldo Alessandro Mola, Direttore scientifico della Associazione di Studi Storici Giovanni Giolitti, sul tema “Corona, Governi e Parlamento nella costruzione dello Stato d’Italia (1890-1920)”, coordinato dall’Architetto Annunziato Seminara del Centro Studi Monte Echia.

share

Commenti

Stampa