"Francesco nei sentieri" in sella ad una bici d'epoca - Tuttoggi

“Francesco nei sentieri” in sella ad una bici d’epoca

Redazione

“Francesco nei sentieri” in sella ad una bici d’epoca

Un evento sulle orme del santo il 25 settembre | Coinvolti i comuni di Assisi, Bettona, Bevagna, Campello, Cannara, Montefalco, Perugia, Spello, Torgiano e Trevi
Ven, 06/05/2016 - 15:18

Condividi su:


“Francesco nei sentieri” in sella ad una bici d’epoca

Sulle orme di San Francesco  d’Assisi ma questa volta con le bici d’epoca, grazie  all’iniziativa “Francesco nei sentieri“, evento cicloturistico che si terrá il prossimo 25 settembre e coinvolgerà i comuni di  Assisi, Bettona, Bevagna, Campello sul Clitunno, Cannara,  Montefalco, Perugia, Spello, Torgiano e Trevi.  Una manifestazione non competitiva e aperta a tutti, alla sua prima edizione, che ha lo scopo di valorizzare i territori e  l’ambiente in cui ha operato il santo patrono d’Italia, alcuni già noti, altri da scoprire in sella alle proprie biciclette,  dalle piu’ antiche risalenti al primo ventennio del 1900 fino a  quelle piu’ moderne degli anni Ottanta.

L’iniziativa e’ stata presentata con una conferenza stampa a Perugia alla quale hanno partecipato Franco Moriconi e Francesco Federico Mancini, rispettivamente rettore e docente di storia dell’arte moderna dell’Universita’ degli Studi di Perugia, Nives Maria Tei, presidente regionale del Fondo ambiente italiano dell’Umbria, Donatella Tesei, sindaco di Montefalco, in rappresentanza di tutti i Comuni coinvolti e Donatella Porzi, presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria.

Tre i percorsi, di breve (48 chilometri), media (120  chilometri) e lunga distanza (150 chilometri) con partenza e  arrivo a Bevagna.  Previsti, poi, punti ristoro con prodotti tipici delle località ospitanti la manifestazione, nei quali programmare la  sosta senza fretta, perche’ “l’importante – spiega in una nota  Cesare Galletti, presidente dell’Associazione Francesco nei  sentieri, organizzatrice dell’evento – e’ arrivare fino in fondo godendo delle bellezze naturali che i borghi umbri, alcuni rimasti intatti nel tempo, riescono a offrire“.

La partenza è alle 8.30 e si toccano diversi siti di interesse culturale e naturalistico, ancora poco valorizzati come Pian  d’Arca, dove la tradizione colloca la ‘predica agli uccelli’ del  santo assisiate, ma anche Viole d’Assisi, Tordibetto, Ripa, Civitella d’Arna, Collestrada, Brufa, Bettona alta e tanti  altri.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!