Stadio-clinica, Regione "Non necessario sottoporre a Vas il progetto" - Tuttoggi

Stadio-clinica, Regione “Non necessario sottoporre a Vas il progetto”

Luca Biribanti

Stadio-clinica, Regione “Non necessario sottoporre a Vas il progetto”

Gio, 11/08/2022 - 07:00

Condividi su:


Progetto stadio Ternana e clinica privata di Bandecchi, determina della Regione Umbria "Non necessità di sottoporre progetto a Vas"

Conclusa un’altra fase dell’iter amministrativo sul progetto stadio-clinica della Ternana Calcio. Al di là delle ben note polemiche, compreso il derby fuori dallo stadio, la Regione Umbria ha depositato la determinazione dirigenziale avente per oggetto “Procedura per la Verifica di assoggettabilità a V.A.S. Art. 12 del D.Lgs. 152/2006 ed art. 9 della L.R. 12/2010 – Comune di Terni. Variante Parte Strutturale e Parte Operativa al PRG vigente per la valorizzazione, gestione, in condizioni di equilibrio economico – finanziario, dello Stadio “Libero Liberati” e realizzazione di un edificio per attività Socio – Sanitarie/Clinica, ai sensi della L. 147/2013”. Chiariamo subito che non c’è notizia della perizia commissionata dalla Regione all’università Cattolica, un elemento che sarebbe stato sicuramente utile alla questione sulla quale sono stati chiamati a esprimersi ben 13 enti (Servizio Urbanistica, Riqualificazione urbana e Politiche della casa, tutela del paesaggio – Servizio Rischio idrogeologico, idraulico e sismico, Difesa del suolo – Servizio Foreste, montagna, sistemi naturalistici e Faunistica venatoria – Servizio Sviluppo rurale e programmazione attività agricole, garanzie delle produzioni e controlli – Servizio Energia, Ambiente, Rifiuti – Servizio Infrastrutture per la Mobilità e Trasporto pubblico locale – Servizio Risorse Idriche, Acque Pubbliche, Attività estrattive e Bonifiche. Altri Enti Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio dell’Umbria. A.R.P.A. UMBRIA – Direzione Generale. Provincia di Terni – Servizio PTCP. A.U.R.I. Umbria Azienda U.S.L. n. 2 Agenzia Forestale Regionale Umbra).

Stadio-clinica, il parere “Non necessità di sottoporre a VAS il progetto”

Il dirigente della Regione Umbria, Andrea Monsignori, ha dunque determinato “Di esprimere, ai sensi dell’art. 12 del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i. e ai sensi dell’art. 9 della l.r. 12/2010, la non necessità di sottoporre a VAS la variante Parte Strutturale e Parte Operativa al PRG vigente per la valorizzazione, gestione, in condizioni di equilibrio economico – finanziario, dello Stadio “Libero Liberati” e realizzazione di un edificio per attività Socio – Sanitarie/ Clinica, ai sensi della L. 147/2013. Comune di Terni. Nelle successive fasi dell’iter della variante proposta e nella fase di progettazione si raccomanda al Comune di Terni di tener conto delle seguenti indicazioni e criteri tesi a garantire un migliore inserimento ambientale degli interventi”.

La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria è stato l’unico ente che ha espresso chiaramente un parere di necessità di assoggettamento del progetto a VAS: “Rilevato che le opere previste comportano rilevanti alterazioni del contesto a tutela paesaggistica relativo al Fiume Nera, questo Ufficio ritiene che la proposta di piano/programma debba essere assoggettato a Verifica Ambientale Strategica in considerazione delle ineludibili ricadute di natura paesaggistica”.

Il progetto stadio-clinica

Area stadio – Ristrutturazione, con demolizione dell’attuale struttura sportiva e ricostruzione nello stesso sedime in stralci funzionali del nuovo stadio, con relative opere di urbanizzazione e sistemazione urbanistica (Area pubblica 1); riorganizzazione della circolazione viaria convergente su viale dello Stadio; realizzazione di parcheggi e viabilità sul versante al di là della linea ferroviaria Terni-Sulmona, verso il Cimitero, comprensiva dell’apertura di un sottopasso pedonale e carrabile, il cui progetto si dice in fase di redazione (Area pubblica 2).

Clinica – R­ealizzazione di un nuovo edificio di ml 112 x 33/21, costituito da cinque piani fuori terra e uno interrato con rampe carrabili, e connesse opere di urbanizzazione e infrastrutturali varie, arredo urbano, verde e parcheggi, sia pertinenziali che di uso pubblico, e modifiche alla viabilità circostante (rampa di collegamento con via XX Settembre, allargamento della strada S. Filomena); si prevede di colmare il dislivello fra via XX Settembre e l’immobile mediante un piano rilevato circostante la struttura; Preso atto che la realizzazione di una Clinica/casa di cura privata con quota di accreditamento e convenzionamento con il servizio sanitario regionale è stata individuata come contributo necessario per la riqualificazione dello Stadio in base all’art. 1, c. 304 della L. 147/2013, modificato dal D.L. 50/2017 convertito in L. 96/2017 e che tramite convenzione fra il Comune di Terni e la Società Ternana Calcio S.p.a. sono definiti i criteri generali della concessione (esecuzione dei lavori, durata e condizioni contrattuali della cessione del diritto di superficie); nella Relazione illustrativa della Variante urbanistica si esplicita che “la nuova struttura sanitaria costituisce essa stessa un’opera di ulteriore interesse pubblico”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!