"Spazio Humanities": tavola rotonda sul ruolo degli insegnanti nella scuola di oggi - Tuttoggi

“Spazio Humanities”: tavola rotonda sul ruolo degli insegnanti nella scuola di oggi

Redazione

“Spazio Humanities”: tavola rotonda sul ruolo degli insegnanti nella scuola di oggi

Lo scrittore e docente Roberto Contu si confronta con i colleghi di Perugia
Gio, 06/02/2020 - 09:21

Condividi su:


E’ dedicato alla scuola, e in particolare al ruolo degli insegnanti e della didattica, il primo appuntamento del 2020 di Umbrò Cultura, martedì 11 febbraio alle 18,30 nella sede Umbrò di via S. Ercolano. La tavola rotonda, che avrà per oggetto l’ultimo libro di Roberto Contu – Insegnanti (il più e il meglio), edito per i tipi di Aguaplano nel 2019, sarà il primo evento promosso dalla neonata associazione di promozione sociale ‘Spazio Humanities’, all’interno del cui cartellone di attività è confluito il progetto culturale Umbrò Cultura.

Roberto Contu – autore del libro e insegnante di ruolo nella scuola secondaria di secondo grado (attualmente insegna al liceo S. Properzio di Assisi), docente a contratto che collabora con il Dipartimento di Lettere dell’Università degli Studi di Perugia – dialogherà con i colleghi-docenti Jacopo Manna, Sonia Viscione (liceo A. Mariotti), Sergio Pasquandrea (liceo A. Pieralli) e Patrizia Tabacchini (ITTS A. Volta). Il dibattito sarà moderato da Davide Pairone.

L’insegnante è un intellettuale? C’è un ruolo dell’insegnante – come afferma Romano Luperini citato da Roberto Contu nel suo libro – e questo coincide con l’attività di chi deve sapere riempire un registro, e poi c’è la funzione dell’insegnante, di colui, cioè, che riesce ‘ad accendere la coscienza di un adolescente o a giustificare il perché Dante a scuola sì e Folfacchiero dei Folfacchieri no’.

Cosa deve ancora sapere fare l’insegnante, alle prese con i programmi ministeriali, nella scuola di oggi, riflesso di una più ampia società fluida, figlia dei social media? Deve saper stupire e fare appassionare i suoi studenti raccontando le storie di coloro che hanno fatto la tradizione letteraria? In che modo e con quali tecniche e strumenti?

Su questi e su altri problemi di didattica della letteratura e di dialettica tra classici, insegnanti e studenti sarà dedicato l’incontro dell’11 febbraio, che affronterà, tra gli altri, il discorso relativo al canone letterario, alla ricerca condotta, ogni giorno, sul campo dai docenti e al senso collettivo dell’educazione. Forse solo così possono trarre, insegnanti e studenti, ‘il più e il meglio’ dalla scuola, come voleva Pinocchio, il burattino uscito dalla penna di Collodi.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!