Spaccio h24 in Valtiberina, pusher si fingono turisti | Tre arresti - Tuttoggi

Spaccio h24 in Valtiberina, pusher si fingono turisti | Tre arresti

Redazione

Spaccio h24 in Valtiberina, pusher si fingono turisti | Tre arresti

L'operazione "Boomerang" dei carabinieri tifernati ha smantellato un vasto giro di droga tra Umbertide e Città di Castello
Mer, 28/03/2018 - 13:04

Condividi su:


Dopo una complessa attività investigativa per contrastare la diffusione di sostanze stupefacenti nell’Alta Valle del Tevere, i carabinieri di Città di Castello, hanno dato esecuzione a 3 misure cautelari, emesse dal Gip del Tribunale di Perugia, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di altrettanti cittadini italiani e stranieri.

L’indagine dei carabinieri, denominata “Boomerang”, diretta dal Sostituto Procuratore dott.ssa Manuela Comodi, ha preso avvio nel febbraio 2017 da Umbertide, dove alcuni cittadini di origini albanesi, radicati nella zona e già noti alle forze dell’ordine, avevano realizzato una vera e propria attività di spaccio di cocaina h24, non soltanto al dettaglio per tossicodipendenti abituali, ma anche di quantità consistenti a favore di clienti dediti, a loro volta, all’attività di spaccio.

Nel modus operandi dell’illecita attività, è stata riscontrata la presenza di giovani, fatti appositamente arrivare in zona dall’Albania a titolo di “soggiorno turistico” per i canonici 3 mesi, durante i quali venivano invece impiegati come pusher; ciò al fine di rendere ancora più difficoltosa la loro identificazione e localizzazione, specie dopo essere tornati nel paese d’origine.

Le persone arrestate sono 2 di origine albanese, un classe ’87, residente ad Umbertide e un classe ’96, domiciliato a Città di Castello; mentre nei confronti di un italiano, del ’78, residente a Città di Castello, è stata applicata la misura dell’obbligo di dimora con divieto di allontanarsi dalla propria abitazione nelle ore notturne.

Nell’ambito della stessa indagine, nel corso del 2017, erano già stati effettuati 7 arresti in flagranza di reato nei confronti di persone sia italiane (di cui una donna) che straniere, e 15 denunce in stato di libertà, tutte per spaccio di sostanze stupefacenti; sono stati altresì identificati e segnalati alla Prefettura di Perugia circa 45 assuntori di droghe, tutti dimoranti nell’Alta Valle del Tevere, nonché sequestrati circa 14 kg di sostanza stupefacente (marijuana e hashish), 300 grammi di cocaina oltre a bilancini di precisione ed altro materiale per taglio e confezionamento. Il giro d’affari accertato ammontava verosimilmente ad oltre 30mila euro al mese.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!