ScheggiAcustica 2015, "luoghi da ascoltare" tra Umbria e Marche - Tuttoggi

ScheggiAcustica 2015, “luoghi da ascoltare” tra Umbria e Marche

Redazione

ScheggiAcustica 2015, “luoghi da ascoltare” tra Umbria e Marche

La sesta edizione avrà luogo dal 6 al 10 agosto negli scenari esclusivi del Parco del Monte Cucco e, per la prima volta, nella zona del Montefeltro
Gio, 16/07/2015 - 09:38

Condividi su:


Resta l’alta qualità degli eventi proposti ma cresce ancora la loro imprevedibilità a ScheggiAcustica – I Luoghi da Ascoltare 2015. Organizzata dall’associazione musicale culturale Tuttisuoni con la partnership dell’associazione Musicamorfosi, la sesta edizione del festival che esalta l’acustica di location sapientemente selezionate sarà in programma dal 6 al 10 agosto, negli scenari esclusivi del Parco del Monte Cucco in Umbria e, per la prima volta, sui palchi d’eccezione delle Marche, in particolare nella zona del Montefeltro.

Il format della rassegna tornerà su 5 giornate con sempre protagonista la simbiosi tra musica, pubblico e luoghi, formula innovativa che ScheggiAcustica sperimenta con sapienza e successo dal 2010 e che, oltre a coinvolgere artisti e spettatori insieme, permette di scoprire i “gioielli”, spesso nascosti o poco conosciuti, del territorio. Quest’anno, poi, i luoghi diventano “da ascoltare” unendo aree appenniniche ricche di storia, arte e natura, incastonate tra i monti Cucco, Catria e Nerone nelle province di Perugia, Ancona e Pesaro-Urbino.

Il programma del festival va verso la completa definizione e le numerose novità e sorprese, che comprendono musiche da tutto il mondo, saranno svelate a breve. Tra le conferme, ScheggiAcustica 2015 ripropone la Badia di Sitria, gioiello millenario dall’acustica impeccabile, e l’Abbazia di Sant’Emiliano, altro “must” del festival che sorge nel comune di Scheggia e Pascelupo, al quale quest’anno si affiancano tre comuni marchigiani.

A sostegno degli organizzatori restano presenti in particolare Fondazione Cassa di Risparmio e Camera di Commercio di Perugia, il Gal Alta Umbria e i Comuni coinvolti, realtà unite dalla volontà di collaborare con una delle rassegne più funzionali e sensibili nei confronti delle peculiarità e della promozione dei territori, sostenute dal filo conduttore dell’alta qualità e del connubio tra eventi e location, dove tutto si miscela con la portata culturale e sociale della musica.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!