Sangemini, venerdì un’ora di sciopero con presidio ai cancelli

Sangemini, venerdì un’ora di sciopero con presidio ai cancelli

La decisione dell’assemblea dei lavoratori di acque Sangemini e Amerino dopo i “gravi atti unilaterali dell’azienda”

share

Un “forte stato di agitazione di tutte le maestranze” in relazione agli ultimi “gravi atti unilaterali dell’azienda”: è quanto si legge nel verbale dell’assemblea dei lavoratori di Sangemini e Amerino che si è svolta oggi, 12 settembre, in azienda, alla presenza delle organizzazioni sindacali Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil e al termine della quale è stata proclamata un’ora di sciopero alla fine di ogni turno di lavoro per il giorno venerdì 14 settembre.

“Durante lo sciopero – scrivono i sindacati e la Rsu – alle ore 13.00 i lavoratori si ritroveranno davanti ai cancelli del sito, dove si terrà un incontro con la stampa”. Ma nel rivendicare “un piano di sviluppo per l’azienda”, Flai Fai e Uila, insieme alla Rsu, preannunciano anche ulteriori iniziative, in particolare “un nuovo sciopero, con presidio, nel giorno del tavolo sulla vertenza”, la cui data però non è ancora stata fissata.

Leggi anche: Sangemini, Flai Cgl “No alla Cigs, sì a un vero piano industriale”

(foto di repertorio)

share

Commenti

Stampa