Ritirato in Senato il provvedimento salva-Terni

Ritirato in Senato il provvedimento salva-Terni

La Camera di commercio verso l’accorpamento con Perugia | Nevi: “Altra tegola per la città”

share

Dal Senato arrivano brutte notizie per la Camera di commercio di Terni, che questa volta sembra inesorabilmente destinata ad essere soppressa ed accorpata con quella di Perugia.Nella seduta di oggi a Palazzo Madama è stato infatti ritirato l’emendamento alla legge di semplificazione, in discussione in Commissione al Senato, a firma del senatore Rufa della Lega, che salvava la Camera di commercio di Terni dall’accorpamento con Perugia.

A dare la brutta notizia, con preoccupazione e rammarico, è il senatore ternano di Forza Italia, Raffaele Nevi, che ricorda: “Era stato firmato anche dai nostri senatori di Forza Italia. Vista la contrarietà espressa dal Governo e dal Pd il presentatore lo ha ritirato. Altra tegola per Terni!“.

L’accoppiata 5 stelle – Pd – prosegue Nevi – si dimostra deleteria per Terni. Purtroppo – aggiunge – anche la Lega ha ceduto, forse perché non ci sarebbero stati i voti necessari, ma l’impressione è che il cambiamento al Governo porti solo problemi alla nostra città“.

Per Nevi, però, la partita,per la Camera di commercio e per la città di Terni, non è chiusa: “Ma noi non ci scoraggiamo e andremo avanti con ancora maggiore determinazione“.

Contro la soppressione della Camera di commercio di Terni c’era stata una forte ed ampia mobilitazione da parte delle forze economiche e sociali della città.

share

Commenti

Stampa