Quarto passo, tutti contro la 'ndrangheta - Tuttoggi

Quarto passo, tutti contro la ‘ndrangheta

Sara Minciaroni

Quarto passo, tutti contro la ‘ndrangheta

Ammesse insieme a Comune, Regione e Cgil anche Libera, l'associazione Paolo Borsellino e Antonino Caponnetto
Mar, 28/02/2017 - 11:07

Condividi su:


Alla fine, la Corte ha ammesso come parti civili contro la ‘ndrina che era operativa a Perugia e in Umbria, sia la Regione dell’Umbria che il Comune di Perugia, che l’associazione Libera, Cittadinanzattiva, la Cgil, l’associazione ‘Paolo Borsellino’ e quella ‘Antonino Caponnetto’. Agli oltre 50 rinviati a giudizio  la procura della Repubblica di Perugia contesta l’associazione per delinquere con metodo mafioso, le estorsioni, l’usura, lo spaccio, e la bancarotta fraudolenta. Le difese dei gli imputati avevano sollevato numerose eccezioni contro la loro costituzione di parte civile.

‘Ndrangheta a Perugia, “chi non si allinea fa una brutta fine” | I 50 rinviati a giudizio di Quarto Passo

Cgil “Fare muro contro l’illegalità e ogni tentativo di inquinamento mafioso della nostra economia e del nostro territorio, a partire dalle nostre Rsu, vere e proprie ‘sentinelle’ nei luoghi di lavoro”: è questa, secondo il segretario della Cgil dell’Umbria, Vincenzo Sgalla, la responsabilità ulteriore di cui il sindacato dovrà farsi carico dopo l’importante riconoscimento dato dall’ammissione nel processo. “È la dimostrazione – aggiunge Sgalla – che ognuno di noi, ogni cittadino, ogni lavoratore subisce un danno, ancorché indiretto, dalla presenza della criminalità organizzata, ma anche che ognuno di noi, nel suo piccolo e nella sua quotidianità può mettere in atto quelle azioni di contrasto al malaffare che sono fondamentali per soffocare ogni tentativo di inquinamento sociale”.

“Una decisione importante – commenta Walter Cardinali, coordinatore regionale dell’associazione di nomi e numeri contro le mafie –“che ci consentirà di seguire il processo da vicino e di mettere la nostra costituzione di parte a disposizione della cittadinanza, delle scuole, della società responsabile, per far sì che il processo si apra al territorio, contribuendo a una presa di consapevolezza collettiva della pericolosità delle mafie anche in Umbria”.

HOLDING DELLA ‘NDRANGHETA / SEQUESTRI E ARRESTI A PERUGIA

Libera “Libera Umbria – assistita dall’avvocato Enza Rando, già impegnata con l’associazione in molti importanti processi contro le mafie in tutta Italia – ha partecipato con le sue volontarie e i suoi volontari alle prime udienze. “Ci siamo e ci saremo – conclude Cardinali – perché pensiamo che essere parte del processo rappresenti uno straordinario esercizio di democrazia partecipata. Perché non c’è giustizia senza verità e noi vogliano incoraggiare la ricerca di verità”.

‘Ndrangheta in Umbria, le intercettazioni / “Incutevano timore, si sentivano intoccabili”

Cittadinanzattiva  “Cittadinanzattiva è impegnata da anni nella promozione della cultura della legalità e nella lotta alle mafie. Per questo come Cittadinanzattiva Umbria – dichiara Danilo Bellavita, segretario regionale – esprimiamo soddisfazione e grande apprezzamento per il risultato raggiunto dagli organi investigativi e ribadiamo pieno sostegno agli organi dello stato che stanno operando su questo fronte, nonché il nostro impegno nella lotta alle mafie e alla criminalità organizzata in quanto queste azioni uccidono la speranza e la libertà nelle persone e progressivamente impoveriscono economicamente il nostro territorio”.

Rinvio Dopo le parti civili la Corte, dando atto di aver nominato nella scorsa udienza un difensore d’ufficio che non è più iscritto all’ordine degli avvocati, ha quindi rinviato il tutto al 3 aprile prossimo quando invece, ieri mattina, le parti avrebbero dovuto discutere delle eccezioni preliminari.

TUTTI GLI ARTICOLI SU “QUARTO PASSO”

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!