“Pietre, porte e piazze”, il lavoro di ricerca storica fatto dalla quinta A e C della scuola elementare IV Novembre - Tuttoggi

“Pietre, porte e piazze”, il lavoro di ricerca storica fatto dalla quinta A e C della scuola elementare IV Novembre

Redazione

“Pietre, porte e piazze”, il lavoro di ricerca storica fatto dalla quinta A e C della scuola elementare IV Novembre

La presentazione lunedì 28 maggio alle ore 17.00 presso la sala Capitini
Dom, 27/05/2018 - 06:31

Condividi su:


“Pietre, porte e piazze”, il lavoro di ricerca storica fatto dalla quinta A e C della scuola elementare IV Novembre

Sarà presentato lunedì 28 maggio 2018 alle ore 17.00 presso la sala Aldo Capitini in Municipio il lavoro conclusivo del progetto didattico “Pietre, porte e piazze, dialoghi tra passato e futuro” realizzato durante l’anno scolastico 201772018 dalle classi quinte delle sezioni A e C della scuola primaria IV Novembre di Marsciano, in collaborazione con l’Unitre e con il patrocinio del Comune di Marsciano.

Un progetto che ha avuto come obiettivo quello di far vivere allo studente, in maniera consapevole e critica, l’ambiente storico e umano che lo circonda, approfondendone l’evoluzione sociale nel tempo. Le classi si sono così impegnate in una serie di attività e di approfondimenti attraverso uscite didattiche, incontri e interviste con anziani abitanti del centro storico, raccolta di materiale documentale e fotografico, comprese cartoline a cartine della città. Tra le uscite alla scoperta del territorio urbano anche la visita al vecchio tunnel sotterraneo che attraversa parte del centro storico e che durante la Seconda guerra mondiale è stato utilizzato come rifugio antiaereo.

Un lavoro molto attento che ha permesso ai giovani alunni di acquisire non solo una conoscenza, in prospettiva storica, della vita e delle attività presenti nella propria città, ma anche e soprattutto di sentirsi parte integrante di un percorso tra passato e futuro, riconoscendo il valore degli elementi socio culturali cha definiscono l’identità di una comunità.   


Condividi su:


Aggiungi un commento