Peste suina, mappa comuni a rischio: predisposto il piano straordinario cinghiali

Peste suina, mappa comuni a rischio: predisposto il piano straordinario cinghiali

Massimo Sbardella

Peste suina, mappa comuni a rischio: predisposto il piano straordinario cinghiali

Mer, 08/06/2022 - 10:57

Condividi su:


Contenimento sulla base della mappa del rischio, dei danni alle colture agricole e dei pericoli sulle strade

Gli uffici della Regione Umbria hanno predisposto il piano straordinario per il controllo e contenimento dei cinghiali, al fine di arginare la possibile diffusione della peste suina africana, ormai alle porte del Cuore verde d’Italia.

Il Piano straordinario è stato predisposto sulla base del decreto legge 9/2022 che detta alle Regioni le linee guida per gli interventi urgenti contro la peste suina africana.

Il piano elaborato dalla Regione Umbria è stato inviato a Ispra e al Centro nazionale referenza peste suina per eventuali aggiustamenti. La Giunta regionale, lo scorso 18 maggio, ha dato mandato agli uffici di individuare le aree dove intensificare gli interventi di controllo e contenimento dei cinghiali. Negli interventi – che una volta ricevuto il via libera definitiva saranno inviati agli Atc al fine di integrare la loro tradizionale attività – si fa riferimento alla mappa del rischio di diffusione della Psa elaborata dall’Istituto zooprofilattico Umbria – Marche, dei danni causati alle colture agricole e dei rischi per la circolazione stradale.


Calendario venatorio, in Commissione ultimi nodi su cinghiale, tortora e colombaccio


La mappa del rischio

Quanto alla mappa del rischio di diffusione della peste suina africana in Umbria, sono stati individuati nella regione quattro comuni ad alto rischio: Castiglione del Lago, Gubbio, Narni I Comuni a medio rischio sono Amelia, Cannara, Marsciano e Spoleto. Assisi è considerato “fuori range”, mentre tutti gli altri comuni umbri sono parametrati a basso rischio.

Allevamenti suinicoli

La Giunta regionale ha inoltre adottato un provvedimento per favorire la realizzazione di recinzioni negli allevamenti suinicoli allo stato brado e semibrado, al fine di limitare i rischi di contatto con eventuali cinghiali infettati dalla Psa.

La filiera suinicola

L’assessore Morroni, rispondendo in consiglio regionale a una interrogazione della consigliera Fioroni, ha annunciato che nella seconda parte dell’anno saranno avviati controlli per attivare una specifica filiera suinicola

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!