Calendario venatorio, in Commissione ultimi nodi su tortora, cinghiale e colombaccio

Calendario venatorio, in Commissione ultimi nodi su tortora, cinghiale e colombaccio

Massimo Sbardella

Calendario venatorio, in Commissione ultimi nodi su tortora, cinghiale e colombaccio

Mar, 07/06/2022 - 16:23

Condividi su:


In discussione la proposta per la proroga al colombaccio, addendum per la tortora in base al piano nazionale | Cinghiale, attese le decisioni a Roma

Il Calendario venatorio dell’Umbria giovedì 9 giugno andrà in Commissione regionale. Sul tavolo ci sono alcuni nodi ancora da sciogliere rispetto al testo preadottato dalla Giunta, in particolare su tortora e colombaccio. E sul cinghiale, tema però questo legato alle probabili novità a livello nazionale alla luce dell’emergenza peste suina africana.


Il Calendario venatorio adottato


Tortora, l’addendum al Calendario venatorio

Per evitare ricorsi, le preaperture per la tortora non sono state inserite. L’accordo è però quello di allegare un addendum al Calendario venatorio, con l’approvazione del Piano di gestione della tortora. Un addendum nel quale verrebbe inserita la prepaertura dal 1° settembre, per l’intera giornata. Saltata quella del 4, perché le associazioni hanno espresso subbi sulla possibilità di rendicontare in così breve tempo, si andrebbe poi a una mezza giornata l’11 settembre, insieme alla quaglia, pur con limitazioni.

Prima dell’avvio generale della stagione venatoria fissato al 18 settembre.

Colombaccio, richiesta di prolungare

I consiglieri regionali della Lega Puletti e Mancini e il capogruppo Pastorelli hanno presentato alcune proposte di modifica al Calendario venatorio. Tra cui quella di posticipare la chiusura della caccia al colombaccio al 10 febbraio 2023. Proposta che però è stata raccolta solo da una parte del mondo venatorio e sulla quale sembra che l’assessore Morroni non sia disposto ad aperture.

Cinghiale, in arrivo novità nazionale

L’altra proposta che sarà discussa giovedì riguarda l’inserimento del contenimento in braccata al cinghiale dal 1 al 16 ottobre (giorno per il quale è fissata l’apertura unica della caccia agli ungulati, saltata l’ipotesi di date sfalsate tra le due province) e dal 16 al 31 gennaio (nel Calendario preadottato il termine è fissato al 15 gennaio). Tema sul quale si aprirà un confronto, anche alla luce del dibattito in corso a livello nazionale, dove lo stesso Governo chiede di ampliare da 3 a 5 mesi la caccia al cinghiale, per fronteggiare l’emergenza peste suina africana.

Anche attraverso i Piani straordinari di contenimento che il Ministero richiede alle Regioni,

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!