Perugia, tifoso caduto dal palco della festa in neurochirurgia - Tuttoggi

Perugia, tifoso caduto dal palco della festa in neurochirurgia

Redazione

Perugia, tifoso caduto dal palco della festa in neurochirurgia

Il perugino di 47 anni ha subito un grave trauma cranico facciale / Si pensa all'intervento
Lun, 05/05/2014 - 11:55

Condividi su:


Sono stabili le condizioni del tifoso che ieri sera  è caduto dal palco appositamente installato per  festeggiare  la promozione del Perugia in serie B, in pieno centro cittadino. Il paziente  attualmente si trova ricoverato nella struttura complessa di Neurochirurgia del Santa Maria della Misericordia, dove viene costantemente monitorato dai sanitari a seguito di un “grave trauma cranico facciale”.

Attraverso l’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, il medico che segue da vicino l’evolversi della situazione, Giovanni Nasoni fa sapere che nel pomeriggio verrà effettuata una ulteriore tac di controllo, dopo quella a cui il l’uomo, di 47 anni, residente a Perugia, era stato sottoposto al suo  trasferimento nella sala di emergenza del Pronto Soccorso. L’intervento di soccorso in centro città, era stato effettuato dal personale del 118. Sulla base dell’esito degli  accertamenti strumentali, verranno prese le  decisioni per un eventuale intervento chirurgico.

Il bilancio – “Avevamo previsto una attività assistenziale superiore, ma fortunatamente, se si esclude il caso del tifoso caduto da palco, i nostri servizi non hanno dovuto sobbarcarsi un lavoro straordinario”: è comunque soddisfatto il Dottor Mario Capruzzi, Direttore del 118 e del Pronto Soccorso del Santa Maria della Misericordia e fa il punto il giorno dopo la partita del Curi e quella del Pala Evangelisti per evidenziare come anche in questa occasione abbia funzionato il piano predisposto in sinergia tra forze dell’ordine e servizi sanitari: “Avevamo rafforzato i turni sia di operatori del 118, che con due autoambulanze supplementari, ma anche il  personale del Pronto Soccorso era stato allertato, ma non c’è ne è stato bisogno: se tutto è filato via liscio, oltre al senso di responsabilità individuale di quanti ieri hanno partecipato alle due grandi manifestazioni sportive di calcio e pallavolo,  conferma che ha funzionato il piano di sicurezza della Questura, e di questo credo che cittadini ed istituzioni ne debbano dare atto a chi ha svolto ottimamente il proprio  lavoro”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!