Perugia, la Fontana Maggiore torna a zampillare - Tuttoggi

Perugia, la Fontana Maggiore torna a zampillare

Redazione

Perugia, la Fontana Maggiore torna a zampillare

Ad annunciare la fine dei lavori l'assessore Calabrese | Conclusi anche quelli agli ascensori Kennedy
mercoledì, 29/03/2017 - 16:41

Condividi su:


Perugia, la Fontana Maggiore torna a zampillare

Romanticismi a parte, quel suo zampillare mancava a molti. L’8 aprile la Fontana Maggiore di Perugia, monumento simbolo della città, tornerà in funzione.  L’intervento alla Fontana ha riguardato infatti anche l’impermeabilizzazione delle vasche, così come il rifacimento in blocco dell’impianto idraulico. Negli ultimi mesi erano state più volte segnalate perdite di acqua principalmente fra la vasca inferiore e il basamento. L’intervento è costato circa 25mila euro. L’inaugurazione è fissata l’8 aprile alle 0re 12.30.

foto-ascensori-225x300-1In tema di lavori pubblici lieto fine alla travagliata storia lunga due anni degli ascensori Kennedy. Giovedì 13 aprile alle ore 15  saranno inaugurati gli ascensori Kennedy. Ad annunciarlo è l’assessore Francesco Calabrese sulla sua pagina Facebook che correda alla notizia anche alcune foto dei nuovi impianti. A collaudi conclusi, sia quello tecnico che quello ministeriale, tutto sembra essere pronto. Le prossime due settimane fino al giorno dell’inaugurazione serviranno per i dettagli: le finiture della rotatoria, il cordolo, la tinteggiatura, i cartelli informativi. Dettagli, appunto, che non dovrebbero mettere in pericolo la data annunciata.

Gli ascensori Kennedy dovevano essere pronti nell’agosto 2015, ma i lavori furono interrotti da molti intoppi. Dopo l’inaugurazione annunciata nell’estate del 2016, ma poi rimandato,  ritardi per il completamento dei lavori hanno determinato la nascita di alcune polemiche. Sia da parte dei pedoni, in difficoltà nel raggiugimento del Pincetto  che nei confronti degli automobilisti a causa del caos traffico. Ora, chiuso un capitolo, la città ha un impianto nuovo di zecca che in molti ci invidierianno.


Condividi su:


Aggiungi un commento