Pd Terni, 'scontro' generazionale | I Giovani Democratici 'dicono qualcosa di sinistra' - Tuttoggi

Pd Terni, ‘scontro’ generazionale | I Giovani Democratici ‘dicono qualcosa di sinistra’

Luca Biribanti

Pd Terni, ‘scontro’ generazionale | I Giovani Democratici ‘dicono qualcosa di sinistra’

Gio, 20/05/2021 - 08:45

Condividi su:


Il dibattito politico sulle misure anti-Covid e anti-violenza evidenziano la distanza tra i 'vecchi' e i 'giovani' del Partito Democratico

Nei giorni scorsi il circolo PD Terni Centro “Ludovico Montani”, tramite il segretario Silvio Bonanno, aveva sollevato il problema dei troppi assembramenti e di numerosi episodi di violenza che si sono verificati nel centro storico. La soluzione? Secondo il circolo del PD sarebbe contingentare le presenze e schierare le forze dell’ordine a presidio dello spazio pubblico. Su questi punti ha preso forma lo scontro generazionale interno al Pd ternano, ormai da anni in fase di ricostruzione, ma, a giudicare dalla distanza tra ‘ i vecchi’ e i ‘giovani’ siamo ancora lontani da una visione condivisa su come affrontare temi politici.

Anacronismo

Il contingentamento sembra essere una soluzione ‘superata’, visto anche l’orientamento del Governo che è indirizzato verso una graduale riapertura di tutte le attività pubbliche, mantenendo ovviamente le precauzioni del caso. Proporre, ad oggi, un contingentamento, o lo schieramento di forze dell’ordine come presidio, è quantomeno spia di scarsa visione politica e capacità propositiva.

‘Per fortuna’ ci sono i Giovani…Democratici

Sulla questione, nella giornata di ieri 19 maggio, sono intervenuti i Giovani Democratici che hanno colto l’inadeguatezza delle misure ‘proposte’ dal Circolo Centro e che hanno detto ‘qualcosa di sinistra’: “Il problema evidenziato dal circolo PD Terni Centro “Ludovico Montani” è comprensibile e reale – si legge in una nota dei Giovani Democratici – La soluzione proposta non può però essere condivisa. Così come non possono essere condivise le non-soluzioni proposte dall’amministrazione locale. Gli spazi del centro sono fatti per essere vissuti dalla cittadinanza, sono luoghi che non possono essere riservati a chi ha prenotazioni al ristorante o a chi è residente in quelle zone: si rischierebbe di tagliare fuori da importanti spazi chi al ristorante non ci va e chi non può permettersi una casa in centro storico. È una soluzione che riserverebbe gli spazi del centro a chi se li può permettere economicamente”.

Violenza in centro

È innegabile che negli ultimi tempi gli episodi di violenza in centro siano aumentati, soprattutto risse, circostanza ‘favorita’ spesso dall’abuso di alcol, anche tra gruppi di giovanissimi: “Non è possibile vietare l’accesso a spazi pubblici solo perché possono eventualmente diventare spazi in cui si compiono atti di violenza. Significherebbe riconoscerli per quello che sono episodicamente e non per quello che sono abitualmente – scrivono ancora i GD – spazi in cui si intessono rapporti sociali importanti, in cui ci si diverte e anche in cui si sviluppa il tessuto economico della città non legato necessariamente a prenotazioni”.

La movida non è il problema

“Non possiamo nemmeno pensare di risolvere il problema degli assembramenti con ulteriori presidi delle forze dell’ordine in giro per la città – continuano i Dem – perché non si può militarizzare un centro storico per tenere a bada “la movida” e perché nonostante il dispiegamento di forze dell’ordine che c’è stato nel centro continuiamo a vedere sempre più frequentemente fenomeni che non dovrebbero manifestarsi. Il problema della violenza è sociale e individuale, se si toglie uno spazio si può comunque consumare in un altro, se si vigila un luogo ne rimarranno comunque molti non vigilati”.

La soluzione

“Il controllo e la repressione sono vie facili e immediate ma non possono mai essere le vie preferenziali dell’azione politica. Anche perché non sono efficaci – concludono – La soluzione non può essere ancora più controllo ma deve essere più libertà di scegliere”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!