Palio del Fantasma 2018: il contest musicale è di Mercatello

Palio del Fantasma 2018: il contest musicale è di Mercatello

E’ iniziata la festa a Castel Ritaldi: tutte le sere aperta la Locanda di Lucrezia

share

Mercatello si aggiudica la prima delle sfide tra i cinque rioni del Comune di Castel Ritaldi che apre ufficialmente la settimana di festa del 29° Palio del Fantasma.
Il rione bianco-rosso, ben rappresentato dal collaudato gruppo musicale Il Ripostiglio delle Scope, che annovera tra i suoi componenti la front-girl Raffaella Panebianco e il batterista “indigeno” Michele Giacomini, la spunta con 238 punti su Colle del Marchese (224 punti), ottimo secondo, che si è presentato sul palco con un gruppo improvvisato, ma molto ben assortito, di musicisti locali.
Terzo classificato il gruppo Age di Castel Ritaldi, anche esso composto da tutti (tranne uno) ragazzi del rione mentre all’ultimo posto troviamo il gruppo Saverio Marini in rappresentanza di Castel San Giovanni, che pur avendo fornito una prestazione musicale di livello, ha probabilmente pagato la scelta di presentare come secondo brano un proprio pezzo, molto bello ma forse poco adatto ad essere recepito l primo impatto.
Va segnalata, per dovere di cronaca, l’assenza del gruppo musicale del rione La Bruna, alle prese con qualche problema organizzativo, ma il popolo giallo-verde promette di recuperare la defaillance già da domani, con una partecipazione graffiante al Corteo Storico.
La serata, ottimamente presentata dalla conduttrice Loretta Bonamente, ha goduto degli interventi dello show-man Massimo Zamponi e della modella Carla Giommi, ai quali si è aggiunta la verve della simpatica Argentina, una signora scelta tra il pubblico che ha affiancato la giuria tecnica composta dal giornalista Emanuele Fiori, dal direttore della locale Banda Musicale Luca Panico e dal musicista professionista Ivo Scarponi. Cinque gli aspetti da valutare rispetto alla performance dei gruppi: qualità degli arrangiamenti, coinvolgimento del pubblico, bellezza dell’esibizione e presenza scenica.
La serata, alla sua seconda edizione, è stata intitolata come lo scorso anno alla memoria di Daniele Beddini, in arte Ponch, un giovane musicista di Castel Ritaldi, prematuramente scomparso qualche anno fa.
Ma questo non è stato che l’inizio di una settimana di festeggiamenti, che già domani presenta in programma uno dei suoi pezzi da 90, il Corteo Storico, quest’anno curato nei minimi dettagli dalla responsabile Chiara Guerrini,
Naturalmente tutte le sere è possibile mangiare alla Taverna di Lucrezia, presso il ristorante Il Boccone del Re (piscina di Castel Ritaldi) che propone un gustoso menù a base di pietanze di ispirazione rinascimentale.

share

Commenti

Stampa