Ospedale Foligno, Bravi (Spi Cgil) all'attacco: "No al depotenziamento"

Ospedale Foligno, Bravi (Spi Cgil) all’attacco: “Ci opporremo al depotenziamento”

Redazione

Ospedale Foligno, Bravi (Spi Cgil) all’attacco: “Ci opporremo al depotenziamento”

Presi di mira anche i tagli al sociale
Gio, 09/07/2020 - 10:21

Condividi su:


Ospedale Foligno, Bravi (Spi Cgil) all’attacco: “Ci opporremo al depotenziamento”

Mario Bravi, segretario provinciale dello Spi Cgil all’attacco della presidente della Regione Tesei e del sindaco Zuccarini sulla sanità nel folignate, a difesa dell’ospedale di Foligno. “Abbiamo manifestato per protestare contro gli insopportabili ritardi e le sempre più gravi disfunzioni – dice – ma ancora non abbiamo avuto ancora risposte, né segnali di disponibilità all’apertura di un confronto“.

Ospedale, Bravi contro l’indebolimento della sanità pubblica

Il problema che denuncia Bravi, a proposito dell’ospedale di Foligno, è “l’indebolimento della sanità pubblica nel territorio. Quella sanità pubblica che ha finora consentito di frenare il dilagare del COVID 19. L’indebolimento della sanità pubblica, tra l’altro, penalizza le fasce sociali più deboli a partire dagli anziani e dai pensionati. Il commissario straordinario  della ASL Umbria 2 dott.Massimo De Fino, il 26 maggio scorso si era impegnato ad una ripresa piena dell’attività sanitaria a partire dal 1 giugno. Tutto cio’ è rimasta lettera morta!“. Quindi Bravi passa agli esempi: “i prelievi del sangue per controlli sono precipitati dai 250 giornalieri(prima del COVID) a 80 fino a toccare, proprio in questi giorni, punte minime giornaliere di 40/50, con una lista d’attesa di 15/20 giorni. Prima dell’emergenza COVID 19 l’attesa era di  1 o 2 giorni“.

Tagli al sociale nel mirino

Nel mirino anche l’assessore Agostino Cetorelli, titolare delle deleghe al Welfare. “Durante un incontro con i Comuni della zona sociale del folignate – dice Braviè emerso che tutti hanno accettato una riduzione della spesa per oltre 100mila euro nel 2021 sul versante delicato del non autosufficienza. Tutto questo è inaccettabile“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!