Omicidio Raggi, aggredito a Terni fratello dell'assassino. Imam "Fatto minimo" - Tuttoggi

Omicidio Raggi, aggredito a Terni fratello dell’assassino. Imam “Fatto minimo”

Sara Minciaroni

Omicidio Raggi, aggredito a Terni fratello dell’assassino. Imam “Fatto minimo”

Nessuna conferma dell'episodio è arrivata da fonti di polizia. Non è stata sporta denuncia
Gio, 19/03/2015 - 16:04

Condividi su:


Omicidio Raggi, aggredito a Terni fratello dell’assassino. Imam “Fatto minimo”

Non si tratterebbe di un pestaggio. Secondo quanto ha appena spiegato a Tuttoggi l’Imam di Terni Mimoun El Hachmi, il fratello dell’omicida di David Raggi sarebbe stato spinto e cadendo avrebbe sbattuto a terra il volto. Un gesto comunque grave, che sarebbe stato compiuto da un ragazzo ternano, ma che assume dimensioni diverse rispetto a quelle di una “spedizione punitiva”, come sembrava dalle prime voci circolate, nei confronti del fratello di Aassoul Amine (detto Aziz).

Raggiunto telefonicamente l’Imam ha spiegato: “Il padre di Aziz si trova in Marocco, ma la madre che è qui in Italia ha un nuovo marito padre di Samir. E’ stato il padre a dirmi che ieri Samir è stato spinto in questo parcheggio di notte ed è caduto. Ma non è niente di grave. Il ragazzo non ha voluto nemmeno fare denuncia. Questa sera andrò a casa loro, perché adesso sono fuori dall’Umbria, ma si tratta di un episodio di livello minimo”. Non è chiaro se al momento dell’aggressione sul posto insieme al giovane ternano vi fossero anche altre persone.

In effetti nessuna conferma dell’episodio è arrivata da fonti di polizia, a riprova del fatto che non è stata sporta denuncia. E’ chiaro come in un clima di altissima tensione rispetto a quanto accaduto a Terni, anche un episodio minimo possa assumere contorni ad alto rischio sociale. Di certo le forze dell’ordine non stanno sottovalutando la situazione e approfondiranno l’episodio.

Tutti gli articoli relativi all’omicidio di David Raggi

(Ha collaborato Federica Pucino)

©Riproduzione Riservata

Aggiungi un commento