Nuovo colpo in tabaccheria, il secondo in 3 mesi. Titolari "Delinquenti non stanno a casa!" - Tuttoggi

Nuovo colpo in tabaccheria, il secondo in 3 mesi. Titolari “Delinquenti non stanno a casa!”

Davide Baccarini

Nuovo colpo in tabaccheria, il secondo in 3 mesi. Titolari “Delinquenti non stanno a casa!”

La Tabaccheria "Europa" di Selci-Lama presa ancora di mira dai ladri dopo il furto subito a gennaio, le grida di un vicino e l'allarme mettono in fuga i ladri
Sab, 04/04/2020 - 10:41

Condividi su:


Nuovo colpo in tabaccheria, il secondo in 3 mesi. Titolari “Delinquenti non stanno a casa!”

Dopo il furto subito a gennaio, la Tabaccheria “Europa” dei fratelli Allegria, a Selci-Lama (San Giustino) è stata nuovamente presa di mira dai ladri.

Il colpo è avvenuto nella notte appena trascorsa, intorno alle 5 di mattina, e con la stessa modalità: sfondando la porta di ingresso con l’auto. Stavolta, però, il suono dell’allarme e le grida di un vicino, affacciatosi dal balcone dopo essere stato svegliato dal fracasso sottostante, hanno costretto i ladri alla fuga. Quest’ultimi sono comunque riusciti a portar via una slot machine.

Restare aperti per garantire un servizio primario in questo momento di grossa difficoltà – dicono i titolari dell’esercizio – non ci esula dal dover costatare che i delinquenti non ‘stanno a casa’, anzi minacciano, con il loro delinquere, di dare il colpo di grazia ad una situazione economica già compromessa per la nostra attività. Invitiamo tutti i colleghi a non abbassare la guardia sulla sicurezza necessaria a proteggerci da questi malviventi”.

I fratelli Allegria, infine, hanno voluto ringraziare le forze dell’ordine, ovvero “i carabinieri di San Giustino, guidati dal maresciallo Vincenzo Viscito, intervenuti subito, e che solo per pochi minuti non sono riusciti a cogliere in flagrante i malviventi, e la Polizia di stato, intervenuta per constatare il furto e cercare di prendere i ladri. Dobbiamo andare avanti – hanno concluso – combattere nemici invisibili, come il Covid-19, e non invisibili, che oggi più che mai ci fanno tentennare sul futuro sempre più incerto per la nostra attività.


Condividi su: