#NoiDimenticati, ad Assisi nuova protesta - in catene - dei commercianti - Tuttoggi

#NoiDimenticati, ad Assisi nuova protesta – in catene – dei commercianti

Flavia Pagliochini

#NoiDimenticati, ad Assisi nuova protesta – in catene – dei commercianti

Ven, 19/03/2021 - 16:48

Condividi su:


“Anche oggi, come oramai da mesi, i commercianti di Assisi sono in piazza per manifestare il loro dramma e la loro preoccupazione per il futuro. Il loro slogan è #noidimenticati. E infatti, queste imprese sono dimenticate tra i dimenticati. Escluse da ogni forma di ristoro, sebbene rappresentino il commercio legato al turismo che da un anno è completamente azzerato.
Confcommercio Umbria sostiene totalmente la loro protesta e rinnova l’appello alle istituzioni perché accelerino gli aiuti promessi e individuino, anche a livello regionale, percorsi speciali di ristoro per queste attività”.

Giorgio Mencaroni, presidente di Confcommercio Umbria, torna ad affiancare le imprese di Assisi che da nove settimane protestano con #noidimenticati.

“Seguiamo con grande attenzione, anche attraverso la Confcommercio nazionale, l’evoluzione dell’emendamento alla legge di bilancio che avevamo chiesto e ottenuto, e che prevede un contributo a fondo perduto anche per questo tipo di attività economiche. Il vicepresidente di Confcommercio Lino Enrico Stoppani incontrerà lunedì prossimo il ministro del turismo Massimo Garavaglia e porterà anche in quella sede la nostra richiesta di accelerare l’arrivo delle risorse per le nostre piccole imprese umbre, che sono parte integrante della filiera turistica, oggi azzerata”.

“La filiera legata al turismo da noi è allo stremo”, aggiunge il presidente di Confcommercio Assisi Vincenzo Di Santi. “Le nostre imprese, da Assisi città simbolo di pace e solidarietà, chiedono da mesi, con fermezza e dignità, un’attenzione particolare. Mentre gli incassi sono del tutto azzerati, continuano a correre le utenze. C’è l’enorme problema degli affitti, che soprattutto in certe aree dei centri storici sono del tutto insostenibili in questo momento in cui il lavoro non c’è. Occorrono interventi speciali e immediati. Il rischio è che le nostre bellissime città diventino buie scatole vuote”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!