Nardi, 500 persone scendono in piazza "Solidali con i lavoratori" - Tuttoggi

Nardi, 500 persone scendono in piazza “Solidali con i lavoratori”

Redazione

Nardi, 500 persone scendono in piazza “Solidali con i lavoratori”

Doppio corteo questa mattina a Selci Lama, Maurizi (Fiom) "Giovedì vogliamo anche la proprietà all'incontro in Regione"
Dom, 21/01/2018 - 18:58

Condividi su:


Una grande dimostrazione di solidarietà verso i lavoratori della Nardi, impegnati in una dura vertenza in difesa della loro fabbrica e del lavoro: circa 500 persone hanno preso parte stamattina (domenica 21 gennaio), alla manifestazione promossa dalla stessa cittadinanza di Selci-Lama a sostegno dei lavoratori in sciopero.

Due cortei hanno attraversato il paese per riunirsi poi di fronte alla casa della famiglia Nardi, ex proprietaria dell’azienda. Presenti i sindaci di Città di Castello e San Giustino, il segretario generale della Cgil dell’Umbria Vincenzo Sgalla, quello della Camera del Lavoro di Perugia Filippo Ciavaglia e quello della Fp Cgil regionale Fabrizio Fratini, oltre a consiglieri regionali e parlamentari.

La manifestazione si è poi conclusa davanti alla stazione ferroviaria dove, oltre alla promotrice dell’iniziativa Lorenzina Biagioli, ha preso la parola Maurizio Maurizi, segretario generale della Fiom Cgil di Perugia: “La famiglia Nardi ha la grave responsabilità di aver affossato negli ultimi 30 anni una delle realtà produttive più importanti del territorio – ha detto – concludendo nel peggiore dei modi con una vendita che non va nella direzione del rilancio, ma della mera speculazione economica. Oggi però – ha aggiunto il segretario Fiom – l’intera cittadinanza di questo territorio ha dimostrato che non intende accettare questa situazione e che difenderà la Nardi e i suoi lavoratori con tutte le forze. Ora aspettiamo l’incontro di giovedì 25 gennaio in Regione, al quale auspichiamo che partecipi anche la nuova proprietà, per chiedere quelle risposte, a partire dal pagamento delle spettanze arretrate, che i lavoratori hanno il diritto di avere“.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!