Movida: i mesi passano, i problemi restano - Tuttoggi

Movida: i mesi passano, i problemi restano

Claudio Bianchini

Movida: i mesi passano, i problemi restano

Focus, esperti, tavoli, ipotesi, convocazioni: fiumi di parole, ma i fatti concreti?
Ven, 07/08/2015 - 13:30

Condividi su:


Movida: i mesi passano, i problemi restano

In attesa (e nella speranza) di trovare soluzioni concrete ad almeno una delle tante problematiche legate alla cosiddetta ‘malamovida’, l’amministrazione comunale continua a convocare riunioni su riunioni.

Ad essere precisi, si chiamano ‘tavoli di negoziazione’ e le questioni aperte sono sopra questi tavoli da mesi e mesi: implementazione del sistema di videosorveglianza, potenziamento dei servizi igienici, maggiore pulizia e decoro, rispetto delle ordinanze sulla somministrazione delle bevande alcoliche e nei contenitori in vetro, occupazione del suolo pubblico, controlli sulla zona a traffico limitato, sosta selvaggia e disturbo alla quiete pubblica.

Questioni aperte ma che proprio non si riescono a chiudere! Nonostante consulenti, esperti, nomine di ‘portatori di interessi’, bandi di selezione per ‘giovani movidaroli’ e vertici a Palazzo.

Di martedì scorso, l’ennesimo tavolo stavolta al gran completo, con tutti i soggetti interessati rappresentati, nonchè la presenza del sindaco Nando Mismetti, dell’assessore allo Sviluppo economico Giovanni Patriarchi, della comandante dei Vigili Urbani Piera Ottaviani e della consultrice del sindaco Lucia Coco.

Di cosa si è parlato? Delle stesse cose di cui si parla da mesi ovviamente. E con toni, definiti dai presenti ‘a dir poco fuori luogo e decisamente fuori le righe’ con alcuni esercenti che hanno persino lasciato la sala.

Cosa si è deciso? Di concreto, ancora nulla.

Delle due telecamere promesse, una in via Gramsci lato Palazzo Deli e l’altra in piazza del Grano lato biblioteca, intanto, forse, arriverà quest’ultima, ma si dovranno attendere i famosi ‘tempi tecnici’.

Il problema della sosta selvaggia e del transito non autorizzato sarà risolto con l’installazione dei varchi elettronici, ma come si dice ‘non è per adesso’ e poi ci sono da aspettare i tempi tecnici.

Per quanto riguarda la maggiore pulizia si solleciterà nuovamente la Vus, ma i mezzi sono quelli che sono, e servono verifiche tecniche.

Sul rispetto delle ordinanze in merito a posizionamento e ritiro tavoli, somministrazione bevande e viabilità, si pensa ad un maggiore coordinamento delle forze dell’ordine e ad interventi straordinari dei vigili urbani, ed anche di questo si parla da mesi.

Se ne parla, per l’appunto, ma considerando che il prossimo, ulteriore tavolo, sarà convocato dopo Ferragosto, ecco che anche questa estate di Movida si appresta a passare senza soluzioni concrete in vista.

A meno che: si sia deciso…di non decidere…


Condividi su:


Aggiungi un commento